Bergamo bassa
Le vie di antichi borghi, dove il tempo segue il ritmo dei passi e delle biciclette, si intrecciano in Bergamo Bassa, tra monumenti, musei e la vista su una Città Alta da cartolina.

Una veduta dall’alto, a volo d’uccello, sarebbe l’ideale per cogliere lo stretto rapporto tra la Bergamo moderna al piano e quella antica che le si affianca, rappresentata dai borghi. Questi ultimi sono nati lungo le principali vie di comunicazione tra la città alta e il territorio. I principali, per testimonianze d’arte e di storia, sono Borgo Pignolo, Borgo Palazzo e Borgo Sant’Alessandro.

Tra i borghi di Pignolo e di Sant’Alessandro si è andata sviluppando tra l’Ottocento e il secolo scorso la città moderna, di cui il Sentierone, la tradizionale passeggiata dei bergamaschi, è il tratto più evidente, assieme alla Torre dei Caduti.

Sul Sentierone si affacciano il Teatro Donizetti, affiancato dal romantico monumento dedicato al maestro, e la chiesa di San Bartolomeo, con la grande pala di Lorenzo Lotto “Madonna col Bambino in trono e santi”.

Al visitatore che, prima di lasciare la città, vuole una immagine-ricordo di Bergamo condensata in un solo scatto, consigliamo di portarsi ai propilei di Porta Nuova, i due edifici neoclassici ai lati del viale Vittorio Emanuele. Con le spalle alla stazione ferroviaria, il propileo di sinistra è il punto ideale per una inquadratura che, dall’equilibrato spazio del Sentierone, si protende e si allarga su Città Alta e il suo profilo. Click! Ed è fatto. Porterà per sempre con sé, oltre che nel cuore e nella memoria, il ricordo di una città indimenticabile.