GAMeC

Descripción

La Galleria de Arte Moderno y Contemporáneo nace en 1991, justo frente al museo de la Accademia Carrara, en un edificio del siglo XV totalmente reacondicionado, que solía ser un antiguo monasterio. La programación muy variada - abierta a la experimentación de los varios lenguajes artísticos contemporáneos y a muchas disciplinas distintas, haciendo hincapié en las raíces de su patrimonio al mismo tiempo - hizo que durante los años la GAMeC se ha convertido en un espacio capaz de interesar a públicos distintos.

Con sus 1.500 metros cuadrados de espacios dedicados a las exposiciones, en un lugar capaz de acoger el arte en todas sus formas: exposiciones temporales personales y colectivas de artistas internacionales, proyectos inéditos de artistas emergentes y un rico calendario de actividades alternativas creadas para distintos tipos de público son lo que más destaca de la filosofía de esta Galería, un lugar dinámico de confrontación, conocimiento e integración cultural, en constante evolución.

 


A partir de 2018 hay una interesante novedad: gracias al acuerdo con el ayuntamiento de Bérgamo, durante el verano el salón llamado Sala delle Capriate de Palazzo della Ragione va a ser - durante tres años - una sede externa de la GAMeC. Se trata de un proyecto de respiro internacional, que no va solamente a llevar los artes visuales al corazón de Città Alta, sino que también podrà representar una conexión entre Piazza Vecchia y Piazza Carrara.  

Junto con el rico programa de exposiciones, la GAMeC destaca por un riquísimo panel de eventos dedicados a niños y adultos, promocionados por los servicios educativos de la Galería, que llevan más de veinte años actuando en el territorio bergamasco y comprometiéndose en crear proyectos y eventos que acerquen todo el mundo al arte contemporáneo.

Aparte de los proyectos dedicados a los niños y a sus padres, se realizan también actividades especiales formando auténticas citas periódicas, como los talleres para niños “Aspettando Santa Lucia”, durante el mes de diciembre, y “Una notte al Museo”, una iniciativa periódica y cada vez distinta dedicada a los niños de 7 a 12 años.  Durante las vacaciones de verano, desde hacía diez años los talleres de GAMeC Time entretienen a jóvenes y pequeños artistas con un rico calendario de actividades llevadas a cabo por educadores de museos y por profesionistas del sector.

Entre los eventos dedicados al público adulto, mencionamos el curso Odissea nell’Arte y Sfoghi, talleres artístico-experienciales en los cuales el público puede disfrutar el arte durante más tiempo, dedicándose un espacio donde experimentar y dar valor a su propia creatividad.  

El domingo, de mayo a septiembre, el patio de la Galería acoge Happening: happy hour, música y arte en un entorno realmente especial.  

 

 

 

Continuar

La Galleria de Arte Moderno y Contemporáneo nace en 1991, justo frente al museo de la Accademia Carrara, en un edificio del siglo XV totalmente reacondicionado, que solía ser un antiguo monasterio. La programación muy variada - abierta a la experimentación de los varios lenguajes artísticos contemporáneos y a muchas disciplinas distintas, haciendo hincapié en las raíces de su patrimonio al mismo tiempo - hizo que durante los años la GAMeC se ha convertido en un espacio capaz de interesar a públicos distintos.

Con sus 1.500 metros cuadrados de espacios dedicados a las exposiciones, en un lugar capaz de acoger el arte en todas sus formas: exposiciones temporales personales y colectivas de artistas internacionales, proyectos inéditos de artistas emergentes y un rico calendario de actividades alternativas creadas para distintos tipos de público son lo que más destaca de la filosofía de esta Galería, un lugar dinámico de confrontación, conocimiento e integración cultural, en constante evolución.

 


A partir de 2018 hay una interesante novedad: gracias al acuerdo con el ayuntamiento de Bérgamo, durante el verano el salón llamado Sala delle Capriate de Palazzo della Ragione va a ser - durante tres años - una sede externa de la GAMeC. Se trata de un proyecto de respiro internacional, que no va solamente a llevar los artes visuales al corazón de Città Alta, sino que también podrà representar una conexión entre Piazza Vecchia y Piazza Carrara.  

Junto con el rico programa de exposiciones, la GAMeC destaca por un riquísimo panel de eventos dedicados a niños y adultos, promocionados por los servicios educativos de la Galería, que llevan más de veinte años actuando en el territorio bergamasco y comprometiéndose en crear proyectos y eventos que acerquen todo el mundo al arte contemporáneo.

Aparte de los proyectos dedicados a los niños y a sus padres, se realizan también actividades especiales formando auténticas citas periódicas, como los talleres para niños “Aspettando Santa Lucia”, durante el mes de diciembre, y “Una notte al Museo”, una iniciativa periódica y cada vez distinta dedicada a los niños de 7 a 12 años.  Durante las vacaciones de verano, desde hacía diez años los talleres de GAMeC Time entretienen a jóvenes y pequeños artistas con un rico calendario de actividades llevadas a cabo por educadores de museos y por profesionistas del sector.

Entre los eventos dedicados al público adulto, mencionamos el curso Odissea nell’Arte y Sfoghi, talleres artístico-experienciales en los cuales el público puede disfrutar el arte durante más tiempo, dedicándose un espacio donde experimentar y dar valor a su propia creatividad.  

El domingo, de mayo a septiembre, el patio de la Galería acoge Happening: happy hour, música y arte en un entorno realmente especial.  

 

 

 

12 € (ridotto:10 €)

Gary Kuehn - Il diletto del praticante

A cura di Lorenzo Giusti, Direttore GAMeC

Fino al 26 agosto

Il diletto del praticante è la prima personale in un’istituzione museale italiana dello scultore americano Gary Kuehn (Plainfield, New Jersey, 1939), che rende omaggio all’originale percorso dell’artista, il cui linguaggio crudo e radicale, portato avanti a partire da una riflessione sulla fisicità dei materiali, ha giocato un ruolo significativo nella nascita di una nuova concezione della scultura, equidistante tanto dal soggettivismo dell’astrazione espressionista, quanto dall’oggettività e dal rigore geometrico del minimalismo.

Suddivisa tra gli spazi espositivi della Galleria e la prestigiosa Sala delle Capriate, nell'antico Palazzo della Ragione, la mostra accoglierà un nucleo significativo di circa 70 opere, tra le più importanti della produzione dell’artista: sculture, disegni, dipinti e installazioni andranno a tracciare un percorso stratificato – dai lavori degli anni Sessanta a una serie di nuove produzioni realizzate appositamente per questa occasione – che restituirà le evoluzioni stilistiche del linguaggio di Kuehn e metteranno in luce la sorprendente attualità del suo lavoro.

Continuar

A cura di Lorenzo Giusti, Direttore GAMeC

Fino al 26 agosto

Il diletto del praticante è la prima personale in un’istituzione museale italiana dello scultore americano Gary Kuehn (Plainfield, New Jersey, 1939), che rende omaggio all’originale percorso dell’artista, il cui linguaggio crudo e radicale, portato avanti a partire da una riflessione sulla fisicità dei materiali, ha giocato un ruolo significativo nella nascita di una nuova concezione della scultura, equidistante tanto dal soggettivismo dell’astrazione espressionista, quanto dall’oggettività e dal rigore geometrico del minimalismo.

Suddivisa tra gli spazi espositivi della Galleria e la prestigiosa Sala delle Capriate, nell'antico Palazzo della Ragione, la mostra accoglierà un nucleo significativo di circa 70 opere, tra le più importanti della produzione dell’artista: sculture, disegni, dipinti e installazioni andranno a tracciare un percorso stratificato – dai lavori degli anni Sessanta a una serie di nuove produzioni realizzate appositamente per questa occasione – che restituirà le evoluzioni stilistiche del linguaggio di Kuehn e metteranno in luce la sorprendente attualità del suo lavoro.

12 € (ridotto:10 €)

Enchanted Bodies /Fetish for Freedom

A cura di Bernardo Mosqueira
Fino al 9 settembre

Lo Spazio Zero della Galleria ospita la mostra Enchanted Bodies / Fetish for Freedom, a cura di Bernardo Mosqueira, vincitore della nona edizione del Premio Lorenzo Bonaldi per l’Arte, riconoscimento che dal 2003 sostiene la ricerca di un curatore under 30.
Il progetto riunisce opere di 17 artisti internazionali ispirate alla forza del corpo migrante e del soggetto straniero che porta con sé una cultura, affinché resista, riviva e si rapporti ad altre culture nello spazio e nel tempo. Tutti gli artisti coinvolti – da Abbas Akhavan a Tania Bruguera, da Danh Vō ad Haegue Yang – sono accomunati dall’esperienza della lontananza dal luogo di nascita, in quanto migranti temporanei, nomadi oppure profughi, deportati o esiliati.

 

 

Continuar

A cura di Bernardo Mosqueira
Fino al 9 settembre

Lo Spazio Zero della Galleria ospita la mostra Enchanted Bodies / Fetish for Freedom, a cura di Bernardo Mosqueira, vincitore della nona edizione del Premio Lorenzo Bonaldi per l’Arte, riconoscimento che dal 2003 sostiene la ricerca di un curatore under 30.
Il progetto riunisce opere di 17 artisti internazionali ispirate alla forza del corpo migrante e del soggetto straniero che porta con sé una cultura, affinché resista, riviva e si rapporti ad altre culture nello spazio e nel tempo. Tutti gli artisti coinvolti – da Abbas Akhavan a Tania Bruguera, da Danh Vō ad Haegue Yang – sono accomunati dall’esperienza della lontananza dal luogo di nascita, in quanto migranti temporanei, nomadi oppure profughi, deportati o esiliati.

 

 

La Collezione Impermanente #1

A cura di Valentina Gervasoni e A. Fabrizia Previtali
Fino al 9 settembre

Il secondo piano della GAMeC ospita il primo appuntamento de La Collezione Impermanente, una piattaforma di ricerca, espositiva e laboratoriale che andrà a costituire allo stesso tempo uno strumento di ricerca sul patrimonio custodito, uno spazio di riflessione sul collezionismo e sulle politiche istituzionali di acquisizione e un terreno di sperimentazione curatoriale propedeutico all’apertura della nuova sede del museo, prevista per il 2022, e all’acquisizione di nuovi nuclei di opere per la città.

Il primo degli appuntamenti in programma alla GAMeC, a cura di Valentina Gervasoni e Fabrizia Previtali, racconta il costituirsi e l’evolversi della Collezione, presentando una selezione dei principali nuclei della raccolta in relazione al loro periodo di ingresso al museo. Un progetto che vede convivere autori moderni, maestri del Novecento e opere d’arte contemporanea, fotografie, incisioni e sculture, assecondando in questo modo la complessa articolazione del patrimonio della GAMeC, comprensivo anche del capitale librario conservato nella biblioteca della Galleria, resa per la prima volta accessibile al pubblico direttamente dalle sale del museo.

 

LA COLLEZIONE IMPERMANENTE #1

A cura di Valentina Gervasoni e A. Fabrizia Previtali

Fino al 9 settembre

 

Il secondo piano della GAMeC ospita il primo appuntamento de La Collezione Impermanente, una piattaforma di ricerca, espositiva e laboratoriale che andrà a costituire allo stesso tempo uno strumento di ricerca sul patrimonio custodito, uno spazio di riflessione sul collezionismo e sulle politiche istituzionali di acquisizione e un terreno di sperimentazione curatoriale propedeutico all’apertura della nuova sede del museo, prevista per il 2022, e all’acquisizione di nuovi nuclei di opere per la città.

Il primo degli appuntamenti in programma alla GAMeC, a cura di Valentina Gervasoni e Fabrizia Previtali, racconta il costituirsi e l’evolversi della Collezione, presentando una selezione dei principali nuclei della raccolta in relazione al loro periodo di ingresso al museo. Un progetto che vede convivere autori moderni, maestri del Novecento e opere d’arte contemporanea, fotografie, incisioni e sculture, assecondando in questo modo la complessa articolazione del patrimonio della GAMeC, comprensivo anche del capitale librario conservato nella biblioteca della Galleria, resa per la prima volta accessibile al pubblico direttamente dalle sale del museo.

 

 

Continuar

A cura di Valentina Gervasoni e A. Fabrizia Previtali
Fino al 9 settembre

Il secondo piano della GAMeC ospita il primo appuntamento de La Collezione Impermanente, una piattaforma di ricerca, espositiva e laboratoriale che andrà a costituire allo stesso tempo uno strumento di ricerca sul patrimonio custodito, uno spazio di riflessione sul collezionismo e sulle politiche istituzionali di acquisizione e un terreno di sperimentazione curatoriale propedeutico all’apertura della nuova sede del museo, prevista per il 2022, e all’acquisizione di nuovi nuclei di opere per la città.

Il primo degli appuntamenti in programma alla GAMeC, a cura di Valentina Gervasoni e Fabrizia Previtali, racconta il costituirsi e l’evolversi della Collezione, presentando una selezione dei principali nuclei della raccolta in relazione al loro periodo di ingresso al museo. Un progetto che vede convivere autori moderni, maestri del Novecento e opere d’arte contemporanea, fotografie, incisioni e sculture, assecondando in questo modo la complessa articolazione del patrimonio della GAMeC, comprensivo anche del capitale librario conservato nella biblioteca della Galleria, resa per la prima volta accessibile al pubblico direttamente dalle sale del museo.

 

LA COLLEZIONE IMPERMANENTE #1

A cura di Valentina Gervasoni e A. Fabrizia Previtali

Fino al 9 settembre

 

Il secondo piano della GAMeC ospita il primo appuntamento de La Collezione Impermanente, una piattaforma di ricerca, espositiva e laboratoriale che andrà a costituire allo stesso tempo uno strumento di ricerca sul patrimonio custodito, uno spazio di riflessione sul collezionismo e sulle politiche istituzionali di acquisizione e un terreno di sperimentazione curatoriale propedeutico all’apertura della nuova sede del museo, prevista per il 2022, e all’acquisizione di nuovi nuclei di opere per la città.

Il primo degli appuntamenti in programma alla GAMeC, a cura di Valentina Gervasoni e Fabrizia Previtali, racconta il costituirsi e l’evolversi della Collezione, presentando una selezione dei principali nuclei della raccolta in relazione al loro periodo di ingresso al museo. Un progetto che vede convivere autori moderni, maestri del Novecento e opere d’arte contemporanea, fotografie, incisioni e sculture, assecondando in questo modo la complessa articolazione del patrimonio della GAMeC, comprensivo anche del capitale librario conservato nella biblioteca della Galleria, resa per la prima volta accessibile al pubblico direttamente dalle sale del museo.

 

 

12 € (ridotto:10 €)

Artists' Film International

A cura di Sara Fumagalli e Valentina Gervasoni
Fino al 9 settembre

Continua la partecipazione della GAMeC ad Artists’ Film International, il prestigioso network internazionale dedicato alla videoarte che, dal 2008, coinvolge alcune tra le più importanti istituzioni internazionali d’arte contemporanea. Per questa decima edizione – il cui tema è la “verità”, nelle sue connotazioni più ampie e diversificate – le curatrici Valentina Gervasoni e Sara Fumagalli hanno selezionato l’artista Elena Mazzi (Reggio Emilia, 1984) e l’opera I’m Talking to You (2016-2018), che aprirà il calendario delle proiezioni.

A cura di Sara Fumagalli e Valentina Gervasoni

Fino al 9 settembre

 

Continua la partecipazione della GAMeC ad Artists’ Film International, il prestigioso network internazionale dedicato alla videoarte che, dal 2008, coinvolge alcune tra le più importanti istituzioni internazionali d’arte contemporanea. Per questa decima edizione – il cui tema è la “verità”, nelle sue connotazioni più ampie e diversificate – le curatrici Valentina Gervasoni e Sara Fumagalli hanno selezionato l’artista Elena Mazzi (Reggio Emilia, 1984) e l’opera I’m Talking to You (2016-2018), che aprirà il calendario delle proiezioni.

 

Continuar

A cura di Sara Fumagalli e Valentina Gervasoni
Fino al 9 settembre

Continua la partecipazione della GAMeC ad Artists’ Film International, il prestigioso network internazionale dedicato alla videoarte che, dal 2008, coinvolge alcune tra le più importanti istituzioni internazionali d’arte contemporanea. Per questa decima edizione – il cui tema è la “verità”, nelle sue connotazioni più ampie e diversificate – le curatrici Valentina Gervasoni e Sara Fumagalli hanno selezionato l’artista Elena Mazzi (Reggio Emilia, 1984) e l’opera I’m Talking to You (2016-2018), che aprirà il calendario delle proiezioni.

A cura di Sara Fumagalli e Valentina Gervasoni

Fino al 9 settembre

 

Continua la partecipazione della GAMeC ad Artists’ Film International, il prestigioso network internazionale dedicato alla videoarte che, dal 2008, coinvolge alcune tra le più importanti istituzioni internazionali d’arte contemporanea. Per questa decima edizione – il cui tema è la “verità”, nelle sue connotazioni più ampie e diversificate – le curatrici Valentina Gervasoni e Sara Fumagalli hanno selezionato l’artista Elena Mazzi (Reggio Emilia, 1984) e l’opera I’m Talking to You (2016-2018), che aprirà il calendario delle proiezioni.