GAMeC • • Visit Bergamo

GAMeC

Description

La galerie d'art moderne et contemporain (GAMeC) est née en 1991 et se trouve à proximité de la pinacothèque de l'Accademia Carrara, dans un ensemble architectural datant du XVe siècle jadis utilisé en tant que monastère et entièrement restauré. Son programme est très varié, ouvert à l'expérimentation des nouveaux langages de l'art contemporain et au croisement des disciplines tout en étant bien enraciné et lié au patrimoine. La GAMeC s'est imposée dans ces années comme un espace multiforme capable d'accueillir différents publics.

Avec ses 1500 mètres de superficie, elle accueille l'art contemporain sous toutes ses formes : expositions personnelles et collectives d'artistes internationaux, projets inédits d'acteurs émergents et un riche calendrier d'activités complémentaires destinées à tous les publics sont ses véritables atouts. Une politique culturelle axée sur la confrontation, sur l'analyse et l'intégration culturelle, en évolution perpétuelle.


Dès 2018, une grande nouveauté prend place dans la programmation : grâce à la collaboration avec la Ville de Bergame, la GAMeC se voit attribuer une salle supplémentaire – la Sala delle Capriate – située à l'intérieur du Palazzo della Ragione où elle sera pendant trois ans utilisée lors de la saison estivale. Un projet d'envergure internationale qui vise non seulement à mettre en valeur l'art au cœur de la ville haute mais également à instaurer un lien entre la Piazza Vecchia et la Piazza Carrara.

En plus du riche programme d'expositions, la galerie organise un grand nombre d’événements complémentaires dédiés aux adultes et aux enfants. Ces initiatives sont le fruit de l’expérience accumulée par le pole éducatif de la galerie actif depuis plus de 20 ans sur le territoire et engagé quotidiennement dans le but de rendre accessible l'art contemporain à tous.

Aux parcours destinés plus particulièrement aux enfant et aux familles s'ajoutent les activités pédagogiques désormais ancrées dans le calendrier culturel : citons Aspettando Santa Lucia qui arrive au mois de décembre, et Una Notte al Museo qui revient régulièrement avec un nouveau thème, dédié aux enfants de 7 à 12 ans. Depuis une dizaine d'années, lors des vacances estivales, les ateliers GAMeC Time invitent petits et jeunes artistes à s'exprimer à travers les activités mises en place par des éducateurs de musée professionnels.

Parmi les événements pensés pour un public adulte, le cours Odissea nell’Arte et Sfoghi méritent d’être souligné. Des ateliers artistiques et expérimentaux qui permettent de s'approprier l'art pendant un long moment et de se concéder son propre espace où expérimenter et mettre en valeur sa créativité.

Tous les dimanches de mai à septembre, la cour de la galerie accueille Happening : happy hour, musique et art dans un cadre d'exception !

 

 

Continuer

La galerie d'art moderne et contemporain (GAMeC) est née en 1991 et se trouve à proximité de la pinacothèque de l'Accademia Carrara, dans un ensemble architectural datant du XVe siècle jadis utilisé en tant que monastère et entièrement restauré. Son programme est très varié, ouvert à l'expérimentation des nouveaux langages de l'art contemporain et au croisement des disciplines tout en étant bien enraciné et lié au patrimoine. La GAMeC s'est imposée dans ces années comme un espace multiforme capable d'accueillir différents publics.

Avec ses 1500 mètres de superficie, elle accueille l'art contemporain sous toutes ses formes : expositions personnelles et collectives d'artistes internationaux, projets inédits d'acteurs émergents et un riche calendrier d'activités complémentaires destinées à tous les publics sont ses véritables atouts. Une politique culturelle axée sur la confrontation, sur l'analyse et l'intégration culturelle, en évolution perpétuelle.


Dès 2018, une grande nouveauté prend place dans la programmation : grâce à la collaboration avec la Ville de Bergame, la GAMeC se voit attribuer une salle supplémentaire – la Sala delle Capriate – située à l'intérieur du Palazzo della Ragione où elle sera pendant trois ans utilisée lors de la saison estivale. Un projet d'envergure internationale qui vise non seulement à mettre en valeur l'art au cœur de la ville haute mais également à instaurer un lien entre la Piazza Vecchia et la Piazza Carrara.

En plus du riche programme d'expositions, la galerie organise un grand nombre d’événements complémentaires dédiés aux adultes et aux enfants. Ces initiatives sont le fruit de l’expérience accumulée par le pole éducatif de la galerie actif depuis plus de 20 ans sur le territoire et engagé quotidiennement dans le but de rendre accessible l'art contemporain à tous.

Aux parcours destinés plus particulièrement aux enfant et aux familles s'ajoutent les activités pédagogiques désormais ancrées dans le calendrier culturel : citons Aspettando Santa Lucia qui arrive au mois de décembre, et Una Notte al Museo qui revient régulièrement avec un nouveau thème, dédié aux enfants de 7 à 12 ans. Depuis une dizaine d'années, lors des vacances estivales, les ateliers GAMeC Time invitent petits et jeunes artistes à s'exprimer à travers les activités mises en place par des éducateurs de musée professionnels.

Parmi les événements pensés pour un public adulte, le cours Odissea nell’Arte et Sfoghi méritent d’être souligné. Des ateliers artistiques et expérimentaux qui permettent de s'approprier l'art pendant un long moment et de se concéder son propre espace où expérimenter et mettre en valeur sa créativité.

Tous les dimanches de mai à septembre, la cour de la galerie accueille Happening : happy hour, musique et art dans un cadre d'exception !

 

 

12 € (ridotto:10 €)

Gary Kuehn - Il diletto del praticante

A cura di Lorenzo Giusti, Direttore GAMeC

Fino al 26 agosto

Il diletto del praticante è la prima personale in un’istituzione museale italiana dello scultore americano Gary Kuehn (Plainfield, New Jersey, 1939), che rende omaggio all’originale percorso dell’artista, il cui linguaggio crudo e radicale, portato avanti a partire da una riflessione sulla fisicità dei materiali, ha giocato un ruolo significativo nella nascita di una nuova concezione della scultura, equidistante tanto dal soggettivismo dell’astrazione espressionista, quanto dall’oggettività e dal rigore geometrico del minimalismo.

Suddivisa tra gli spazi espositivi della Galleria e la prestigiosa Sala delle Capriate, nell'antico Palazzo della Ragione, la mostra accoglierà un nucleo significativo di circa 70 opere, tra le più importanti della produzione dell’artista: sculture, disegni, dipinti e installazioni andranno a tracciare un percorso stratificato – dai lavori degli anni Sessanta a una serie di nuove produzioni realizzate appositamente per questa occasione – che restituirà le evoluzioni stilistiche del linguaggio di Kuehn e metteranno in luce la sorprendente attualità del suo lavoro.

Continuer

A cura di Lorenzo Giusti, Direttore GAMeC

Fino al 26 agosto

Il diletto del praticante è la prima personale in un’istituzione museale italiana dello scultore americano Gary Kuehn (Plainfield, New Jersey, 1939), che rende omaggio all’originale percorso dell’artista, il cui linguaggio crudo e radicale, portato avanti a partire da una riflessione sulla fisicità dei materiali, ha giocato un ruolo significativo nella nascita di una nuova concezione della scultura, equidistante tanto dal soggettivismo dell’astrazione espressionista, quanto dall’oggettività e dal rigore geometrico del minimalismo.

Suddivisa tra gli spazi espositivi della Galleria e la prestigiosa Sala delle Capriate, nell'antico Palazzo della Ragione, la mostra accoglierà un nucleo significativo di circa 70 opere, tra le più importanti della produzione dell’artista: sculture, disegni, dipinti e installazioni andranno a tracciare un percorso stratificato – dai lavori degli anni Sessanta a una serie di nuove produzioni realizzate appositamente per questa occasione – che restituirà le evoluzioni stilistiche del linguaggio di Kuehn e metteranno in luce la sorprendente attualità del suo lavoro.

12 € (ridotto:10 €)

Enchanted Bodies /Fetish for Freedom

A cura di Bernardo Mosqueira
Fino al 9 settembre

Lo Spazio Zero della Galleria ospita la mostra Enchanted Bodies / Fetish for Freedom, a cura di Bernardo Mosqueira, vincitore della nona edizione del Premio Lorenzo Bonaldi per l’Arte, riconoscimento che dal 2003 sostiene la ricerca di un curatore under 30.
Il progetto riunisce opere di 17 artisti internazionali ispirate alla forza del corpo migrante e del soggetto straniero che porta con sé una cultura, affinché resista, riviva e si rapporti ad altre culture nello spazio e nel tempo. Tutti gli artisti coinvolti – da Abbas Akhavan a Tania Bruguera, da Danh Vō ad Haegue Yang – sono accomunati dall’esperienza della lontananza dal luogo di nascita, in quanto migranti temporanei, nomadi oppure profughi, deportati o esiliati.

 

 

Continuer

A cura di Bernardo Mosqueira
Fino al 9 settembre

Lo Spazio Zero della Galleria ospita la mostra Enchanted Bodies / Fetish for Freedom, a cura di Bernardo Mosqueira, vincitore della nona edizione del Premio Lorenzo Bonaldi per l’Arte, riconoscimento che dal 2003 sostiene la ricerca di un curatore under 30.
Il progetto riunisce opere di 17 artisti internazionali ispirate alla forza del corpo migrante e del soggetto straniero che porta con sé una cultura, affinché resista, riviva e si rapporti ad altre culture nello spazio e nel tempo. Tutti gli artisti coinvolti – da Abbas Akhavan a Tania Bruguera, da Danh Vō ad Haegue Yang – sono accomunati dall’esperienza della lontananza dal luogo di nascita, in quanto migranti temporanei, nomadi oppure profughi, deportati o esiliati.

 

 

La Collezione Impermanente #1

A cura di Valentina Gervasoni e A. Fabrizia Previtali
Fino al 9 settembre

Il secondo piano della GAMeC ospita il primo appuntamento de La Collezione Impermanente, una piattaforma di ricerca, espositiva e laboratoriale che andrà a costituire allo stesso tempo uno strumento di ricerca sul patrimonio custodito, uno spazio di riflessione sul collezionismo e sulle politiche istituzionali di acquisizione e un terreno di sperimentazione curatoriale propedeutico all’apertura della nuova sede del museo, prevista per il 2022, e all’acquisizione di nuovi nuclei di opere per la città.

Il primo degli appuntamenti in programma alla GAMeC, a cura di Valentina Gervasoni e Fabrizia Previtali, racconta il costituirsi e l’evolversi della Collezione, presentando una selezione dei principali nuclei della raccolta in relazione al loro periodo di ingresso al museo. Un progetto che vede convivere autori moderni, maestri del Novecento e opere d’arte contemporanea, fotografie, incisioni e sculture, assecondando in questo modo la complessa articolazione del patrimonio della GAMeC, comprensivo anche del capitale librario conservato nella biblioteca della Galleria, resa per la prima volta accessibile al pubblico direttamente dalle sale del museo.

 

LA COLLEZIONE IMPERMANENTE #1

A cura di Valentina Gervasoni e A. Fabrizia Previtali

Fino al 9 settembre

 

Il secondo piano della GAMeC ospita il primo appuntamento de La Collezione Impermanente, una piattaforma di ricerca, espositiva e laboratoriale che andrà a costituire allo stesso tempo uno strumento di ricerca sul patrimonio custodito, uno spazio di riflessione sul collezionismo e sulle politiche istituzionali di acquisizione e un terreno di sperimentazione curatoriale propedeutico all’apertura della nuova sede del museo, prevista per il 2022, e all’acquisizione di nuovi nuclei di opere per la città.

Il primo degli appuntamenti in programma alla GAMeC, a cura di Valentina Gervasoni e Fabrizia Previtali, racconta il costituirsi e l’evolversi della Collezione, presentando una selezione dei principali nuclei della raccolta in relazione al loro periodo di ingresso al museo. Un progetto che vede convivere autori moderni, maestri del Novecento e opere d’arte contemporanea, fotografie, incisioni e sculture, assecondando in questo modo la complessa articolazione del patrimonio della GAMeC, comprensivo anche del capitale librario conservato nella biblioteca della Galleria, resa per la prima volta accessibile al pubblico direttamente dalle sale del museo.

 

 

Continuer

A cura di Valentina Gervasoni e A. Fabrizia Previtali
Fino al 9 settembre

Il secondo piano della GAMeC ospita il primo appuntamento de La Collezione Impermanente, una piattaforma di ricerca, espositiva e laboratoriale che andrà a costituire allo stesso tempo uno strumento di ricerca sul patrimonio custodito, uno spazio di riflessione sul collezionismo e sulle politiche istituzionali di acquisizione e un terreno di sperimentazione curatoriale propedeutico all’apertura della nuova sede del museo, prevista per il 2022, e all’acquisizione di nuovi nuclei di opere per la città.

Il primo degli appuntamenti in programma alla GAMeC, a cura di Valentina Gervasoni e Fabrizia Previtali, racconta il costituirsi e l’evolversi della Collezione, presentando una selezione dei principali nuclei della raccolta in relazione al loro periodo di ingresso al museo. Un progetto che vede convivere autori moderni, maestri del Novecento e opere d’arte contemporanea, fotografie, incisioni e sculture, assecondando in questo modo la complessa articolazione del patrimonio della GAMeC, comprensivo anche del capitale librario conservato nella biblioteca della Galleria, resa per la prima volta accessibile al pubblico direttamente dalle sale del museo.

 

LA COLLEZIONE IMPERMANENTE #1

A cura di Valentina Gervasoni e A. Fabrizia Previtali

Fino al 9 settembre

 

Il secondo piano della GAMeC ospita il primo appuntamento de La Collezione Impermanente, una piattaforma di ricerca, espositiva e laboratoriale che andrà a costituire allo stesso tempo uno strumento di ricerca sul patrimonio custodito, uno spazio di riflessione sul collezionismo e sulle politiche istituzionali di acquisizione e un terreno di sperimentazione curatoriale propedeutico all’apertura della nuova sede del museo, prevista per il 2022, e all’acquisizione di nuovi nuclei di opere per la città.

Il primo degli appuntamenti in programma alla GAMeC, a cura di Valentina Gervasoni e Fabrizia Previtali, racconta il costituirsi e l’evolversi della Collezione, presentando una selezione dei principali nuclei della raccolta in relazione al loro periodo di ingresso al museo. Un progetto che vede convivere autori moderni, maestri del Novecento e opere d’arte contemporanea, fotografie, incisioni e sculture, assecondando in questo modo la complessa articolazione del patrimonio della GAMeC, comprensivo anche del capitale librario conservato nella biblioteca della Galleria, resa per la prima volta accessibile al pubblico direttamente dalle sale del museo.

 

 

12 € (ridotto:10 €)

Artists' Film International

A cura di Sara Fumagalli e Valentina Gervasoni
Fino al 9 settembre

Continua la partecipazione della GAMeC ad Artists’ Film International, il prestigioso network internazionale dedicato alla videoarte che, dal 2008, coinvolge alcune tra le più importanti istituzioni internazionali d’arte contemporanea. Per questa decima edizione – il cui tema è la “verità”, nelle sue connotazioni più ampie e diversificate – le curatrici Valentina Gervasoni e Sara Fumagalli hanno selezionato l’artista Elena Mazzi (Reggio Emilia, 1984) e l’opera I’m Talking to You (2016-2018), che aprirà il calendario delle proiezioni.

A cura di Sara Fumagalli e Valentina Gervasoni

Fino al 9 settembre

 

Continua la partecipazione della GAMeC ad Artists’ Film International, il prestigioso network internazionale dedicato alla videoarte che, dal 2008, coinvolge alcune tra le più importanti istituzioni internazionali d’arte contemporanea. Per questa decima edizione – il cui tema è la “verità”, nelle sue connotazioni più ampie e diversificate – le curatrici Valentina Gervasoni e Sara Fumagalli hanno selezionato l’artista Elena Mazzi (Reggio Emilia, 1984) e l’opera I’m Talking to You (2016-2018), che aprirà il calendario delle proiezioni.

 

Continuer

A cura di Sara Fumagalli e Valentina Gervasoni
Fino al 9 settembre

Continua la partecipazione della GAMeC ad Artists’ Film International, il prestigioso network internazionale dedicato alla videoarte che, dal 2008, coinvolge alcune tra le più importanti istituzioni internazionali d’arte contemporanea. Per questa decima edizione – il cui tema è la “verità”, nelle sue connotazioni più ampie e diversificate – le curatrici Valentina Gervasoni e Sara Fumagalli hanno selezionato l’artista Elena Mazzi (Reggio Emilia, 1984) e l’opera I’m Talking to You (2016-2018), che aprirà il calendario delle proiezioni.

A cura di Sara Fumagalli e Valentina Gervasoni

Fino al 9 settembre

 

Continua la partecipazione della GAMeC ad Artists’ Film International, il prestigioso network internazionale dedicato alla videoarte che, dal 2008, coinvolge alcune tra le più importanti istituzioni internazionali d’arte contemporanea. Per questa decima edizione – il cui tema è la “verità”, nelle sue connotazioni più ampie e diversificate – le curatrici Valentina Gervasoni e Sara Fumagalli hanno selezionato l’artista Elena Mazzi (Reggio Emilia, 1984) e l’opera I’m Talking to You (2016-2018), che aprirà il calendario delle proiezioni.