GAMeC

Description

The Gallery of Modern and Contemporary Art was founded in 1991 right in front of the Accademia Carrara Picture Gallery, in a restored fifteenth-century architectural complex, formerly intended as a monastery. The diversified programming - open to experimentation with contemporary languages and to multidisciplinarity, and at the same time anchored to the roots of the institution and its heritage - has made it into a multifaceted space that has been able to involve different audiences over the years. With its 1500 square metres of exhibition space, it is a place that welcomes contemporary art in all its forms: temporary personal and collective exhibitions by international artists, new and emerging projects and a rich calendar of collateral activities designed for different audiences are the strong point of the Gallery’s cultural policy, which is a dynamic place for comparison, analysis and cultural integration, in constant evolution.


Starting from 2018, there’s some big news: thanks to the cultural agreement signed with the municipality of Bergamo, during the summer the Sala delle Capriate in the Palazzo della Ragione will be, for three years, an external branch of GAMeC. A project of international importance that will not only bring visual arts to the heart of the Upper Town, but will also be able to build a connection between Piazza Vecchia and Piazza Carrara.

Next to the full exhibition program, GAMeC is characterised by a rich calendar of side events dedicated to adults and children, promoted by the Gallery's Educational Services, which have been present in the area for more than twenty years and are involved daily in the design of projects and opportunities for approaching contemporary art.

Apart from the projects specifically dedicated to children and their parents, special activities are also carried out to form regular appointments, such as the Aspettando Santa LuciaWaiting for Santa Lucia workshop for the young ones, in the month of December, and Una Notte al Museo – A Night at the Museum, a periodic initiative, which is different each time, dedicated to children aged 7 to 12 years. During the summer holidays, for the past ten years, the GAMeC Time laboratories have involved young artists with a rich calendar of activities conducted by museum educators and professionals.

Among the events dedicated to adults we mention the course Odyssey nell’Arte e Sfoghi, artistic-experiential workshops that allow the public to taste art in a dilated time and give themselves a space in which to experiment and give value to their creativity.

From May to September, on Sundays, the Gallery courtyard hosts Happening: happy hour, music and art in a special setting!

Continue

The Gallery of Modern and Contemporary Art was founded in 1991 right in front of the Accademia Carrara Picture Gallery, in a restored fifteenth-century architectural complex, formerly intended as a monastery. The diversified programming - open to experimentation with contemporary languages and to multidisciplinarity, and at the same time anchored to the roots of the institution and its heritage - has made it into a multifaceted space that has been able to involve different audiences over the years. With its 1500 square metres of exhibition space, it is a place that welcomes contemporary art in all its forms: temporary personal and collective exhibitions by international artists, new and emerging projects and a rich calendar of collateral activities designed for different audiences are the strong point of the Gallery’s cultural policy, which is a dynamic place for comparison, analysis and cultural integration, in constant evolution.


Starting from 2018, there’s some big news: thanks to the cultural agreement signed with the municipality of Bergamo, during the summer the Sala delle Capriate in the Palazzo della Ragione will be, for three years, an external branch of GAMeC. A project of international importance that will not only bring visual arts to the heart of the Upper Town, but will also be able to build a connection between Piazza Vecchia and Piazza Carrara.

Next to the full exhibition program, GAMeC is characterised by a rich calendar of side events dedicated to adults and children, promoted by the Gallery's Educational Services, which have been present in the area for more than twenty years and are involved daily in the design of projects and opportunities for approaching contemporary art.

Apart from the projects specifically dedicated to children and their parents, special activities are also carried out to form regular appointments, such as the Aspettando Santa LuciaWaiting for Santa Lucia workshop for the young ones, in the month of December, and Una Notte al Museo – A Night at the Museum, a periodic initiative, which is different each time, dedicated to children aged 7 to 12 years. During the summer holidays, for the past ten years, the GAMeC Time laboratories have involved young artists with a rich calendar of activities conducted by museum educators and professionals.

Among the events dedicated to adults we mention the course Odyssey nell’Arte e Sfoghi, artistic-experiential workshops that allow the public to taste art in a dilated time and give themselves a space in which to experiment and give value to their creativity.

From May to September, on Sundays, the Gallery courtyard hosts Happening: happy hour, music and art in a special setting!

12 € (ridotto:10 €)

Gary Kuehn - Il diletto del praticante

A cura di Lorenzo Giusti, Direttore GAMeC

Fino al 26 agosto

Il diletto del praticante è la prima personale in un’istituzione museale italiana dello scultore americano Gary Kuehn (Plainfield, New Jersey, 1939), che rende omaggio all’originale percorso dell’artista, il cui linguaggio crudo e radicale, portato avanti a partire da una riflessione sulla fisicità dei materiali, ha giocato un ruolo significativo nella nascita di una nuova concezione della scultura, equidistante tanto dal soggettivismo dell’astrazione espressionista, quanto dall’oggettività e dal rigore geometrico del minimalismo.

Suddivisa tra gli spazi espositivi della Galleria e la prestigiosa Sala delle Capriate, nell'antico Palazzo della Ragione, la mostra accoglierà un nucleo significativo di circa 70 opere, tra le più importanti della produzione dell’artista: sculture, disegni, dipinti e installazioni andranno a tracciare un percorso stratificato – dai lavori degli anni Sessanta a una serie di nuove produzioni realizzate appositamente per questa occasione – che restituirà le evoluzioni stilistiche del linguaggio di Kuehn e metteranno in luce la sorprendente attualità del suo lavoro.

Continue

A cura di Lorenzo Giusti, Direttore GAMeC

Fino al 26 agosto

Il diletto del praticante è la prima personale in un’istituzione museale italiana dello scultore americano Gary Kuehn (Plainfield, New Jersey, 1939), che rende omaggio all’originale percorso dell’artista, il cui linguaggio crudo e radicale, portato avanti a partire da una riflessione sulla fisicità dei materiali, ha giocato un ruolo significativo nella nascita di una nuova concezione della scultura, equidistante tanto dal soggettivismo dell’astrazione espressionista, quanto dall’oggettività e dal rigore geometrico del minimalismo.

Suddivisa tra gli spazi espositivi della Galleria e la prestigiosa Sala delle Capriate, nell'antico Palazzo della Ragione, la mostra accoglierà un nucleo significativo di circa 70 opere, tra le più importanti della produzione dell’artista: sculture, disegni, dipinti e installazioni andranno a tracciare un percorso stratificato – dai lavori degli anni Sessanta a una serie di nuove produzioni realizzate appositamente per questa occasione – che restituirà le evoluzioni stilistiche del linguaggio di Kuehn e metteranno in luce la sorprendente attualità del suo lavoro.

12 € (ridotto:10 €)

Enchanted Bodies /Fetish for Freedom

A cura di Bernardo Mosqueira
Fino al 9 settembre

Lo Spazio Zero della Galleria ospita la mostra Enchanted Bodies / Fetish for Freedom, a cura di Bernardo Mosqueira, vincitore della nona edizione del Premio Lorenzo Bonaldi per l’Arte, riconoscimento che dal 2003 sostiene la ricerca di un curatore under 30.
Il progetto riunisce opere di 17 artisti internazionali ispirate alla forza del corpo migrante e del soggetto straniero che porta con sé una cultura, affinché resista, riviva e si rapporti ad altre culture nello spazio e nel tempo. Tutti gli artisti coinvolti – da Abbas Akhavan a Tania Bruguera, da Danh Vō ad Haegue Yang – sono accomunati dall’esperienza della lontananza dal luogo di nascita, in quanto migranti temporanei, nomadi oppure profughi, deportati o esiliati.

 

 

Continue

A cura di Bernardo Mosqueira
Fino al 9 settembre

Lo Spazio Zero della Galleria ospita la mostra Enchanted Bodies / Fetish for Freedom, a cura di Bernardo Mosqueira, vincitore della nona edizione del Premio Lorenzo Bonaldi per l’Arte, riconoscimento che dal 2003 sostiene la ricerca di un curatore under 30.
Il progetto riunisce opere di 17 artisti internazionali ispirate alla forza del corpo migrante e del soggetto straniero che porta con sé una cultura, affinché resista, riviva e si rapporti ad altre culture nello spazio e nel tempo. Tutti gli artisti coinvolti – da Abbas Akhavan a Tania Bruguera, da Danh Vō ad Haegue Yang – sono accomunati dall’esperienza della lontananza dal luogo di nascita, in quanto migranti temporanei, nomadi oppure profughi, deportati o esiliati.

 

 

La Collezione Impermanente #1

A cura di Valentina Gervasoni e A. Fabrizia Previtali
Fino al 9 settembre

Il secondo piano della GAMeC ospita il primo appuntamento de La Collezione Impermanente, una piattaforma di ricerca, espositiva e laboratoriale che andrà a costituire allo stesso tempo uno strumento di ricerca sul patrimonio custodito, uno spazio di riflessione sul collezionismo e sulle politiche istituzionali di acquisizione e un terreno di sperimentazione curatoriale propedeutico all’apertura della nuova sede del museo, prevista per il 2022, e all’acquisizione di nuovi nuclei di opere per la città.

Il primo degli appuntamenti in programma alla GAMeC, a cura di Valentina Gervasoni e Fabrizia Previtali, racconta il costituirsi e l’evolversi della Collezione, presentando una selezione dei principali nuclei della raccolta in relazione al loro periodo di ingresso al museo. Un progetto che vede convivere autori moderni, maestri del Novecento e opere d’arte contemporanea, fotografie, incisioni e sculture, assecondando in questo modo la complessa articolazione del patrimonio della GAMeC, comprensivo anche del capitale librario conservato nella biblioteca della Galleria, resa per la prima volta accessibile al pubblico direttamente dalle sale del museo.

 

LA COLLEZIONE IMPERMANENTE #1

A cura di Valentina Gervasoni e A. Fabrizia Previtali

Fino al 9 settembre

 

Il secondo piano della GAMeC ospita il primo appuntamento de La Collezione Impermanente, una piattaforma di ricerca, espositiva e laboratoriale che andrà a costituire allo stesso tempo uno strumento di ricerca sul patrimonio custodito, uno spazio di riflessione sul collezionismo e sulle politiche istituzionali di acquisizione e un terreno di sperimentazione curatoriale propedeutico all’apertura della nuova sede del museo, prevista per il 2022, e all’acquisizione di nuovi nuclei di opere per la città.

Il primo degli appuntamenti in programma alla GAMeC, a cura di Valentina Gervasoni e Fabrizia Previtali, racconta il costituirsi e l’evolversi della Collezione, presentando una selezione dei principali nuclei della raccolta in relazione al loro periodo di ingresso al museo. Un progetto che vede convivere autori moderni, maestri del Novecento e opere d’arte contemporanea, fotografie, incisioni e sculture, assecondando in questo modo la complessa articolazione del patrimonio della GAMeC, comprensivo anche del capitale librario conservato nella biblioteca della Galleria, resa per la prima volta accessibile al pubblico direttamente dalle sale del museo.

 

 

Continue

A cura di Valentina Gervasoni e A. Fabrizia Previtali
Fino al 9 settembre

Il secondo piano della GAMeC ospita il primo appuntamento de La Collezione Impermanente, una piattaforma di ricerca, espositiva e laboratoriale che andrà a costituire allo stesso tempo uno strumento di ricerca sul patrimonio custodito, uno spazio di riflessione sul collezionismo e sulle politiche istituzionali di acquisizione e un terreno di sperimentazione curatoriale propedeutico all’apertura della nuova sede del museo, prevista per il 2022, e all’acquisizione di nuovi nuclei di opere per la città.

Il primo degli appuntamenti in programma alla GAMeC, a cura di Valentina Gervasoni e Fabrizia Previtali, racconta il costituirsi e l’evolversi della Collezione, presentando una selezione dei principali nuclei della raccolta in relazione al loro periodo di ingresso al museo. Un progetto che vede convivere autori moderni, maestri del Novecento e opere d’arte contemporanea, fotografie, incisioni e sculture, assecondando in questo modo la complessa articolazione del patrimonio della GAMeC, comprensivo anche del capitale librario conservato nella biblioteca della Galleria, resa per la prima volta accessibile al pubblico direttamente dalle sale del museo.

 

LA COLLEZIONE IMPERMANENTE #1

A cura di Valentina Gervasoni e A. Fabrizia Previtali

Fino al 9 settembre

 

Il secondo piano della GAMeC ospita il primo appuntamento de La Collezione Impermanente, una piattaforma di ricerca, espositiva e laboratoriale che andrà a costituire allo stesso tempo uno strumento di ricerca sul patrimonio custodito, uno spazio di riflessione sul collezionismo e sulle politiche istituzionali di acquisizione e un terreno di sperimentazione curatoriale propedeutico all’apertura della nuova sede del museo, prevista per il 2022, e all’acquisizione di nuovi nuclei di opere per la città.

Il primo degli appuntamenti in programma alla GAMeC, a cura di Valentina Gervasoni e Fabrizia Previtali, racconta il costituirsi e l’evolversi della Collezione, presentando una selezione dei principali nuclei della raccolta in relazione al loro periodo di ingresso al museo. Un progetto che vede convivere autori moderni, maestri del Novecento e opere d’arte contemporanea, fotografie, incisioni e sculture, assecondando in questo modo la complessa articolazione del patrimonio della GAMeC, comprensivo anche del capitale librario conservato nella biblioteca della Galleria, resa per la prima volta accessibile al pubblico direttamente dalle sale del museo.

 

 

12 € (ridotto:10 €)

Artists' Film International

A cura di Sara Fumagalli e Valentina Gervasoni
Fino al 9 settembre

Continua la partecipazione della GAMeC ad Artists’ Film International, il prestigioso network internazionale dedicato alla videoarte che, dal 2008, coinvolge alcune tra le più importanti istituzioni internazionali d’arte contemporanea. Per questa decima edizione – il cui tema è la “verità”, nelle sue connotazioni più ampie e diversificate – le curatrici Valentina Gervasoni e Sara Fumagalli hanno selezionato l’artista Elena Mazzi (Reggio Emilia, 1984) e l’opera I’m Talking to You (2016-2018), che aprirà il calendario delle proiezioni.

A cura di Sara Fumagalli e Valentina Gervasoni

Fino al 9 settembre

 

Continua la partecipazione della GAMeC ad Artists’ Film International, il prestigioso network internazionale dedicato alla videoarte che, dal 2008, coinvolge alcune tra le più importanti istituzioni internazionali d’arte contemporanea. Per questa decima edizione – il cui tema è la “verità”, nelle sue connotazioni più ampie e diversificate – le curatrici Valentina Gervasoni e Sara Fumagalli hanno selezionato l’artista Elena Mazzi (Reggio Emilia, 1984) e l’opera I’m Talking to You (2016-2018), che aprirà il calendario delle proiezioni.

 

Continue

A cura di Sara Fumagalli e Valentina Gervasoni
Fino al 9 settembre

Continua la partecipazione della GAMeC ad Artists’ Film International, il prestigioso network internazionale dedicato alla videoarte che, dal 2008, coinvolge alcune tra le più importanti istituzioni internazionali d’arte contemporanea. Per questa decima edizione – il cui tema è la “verità”, nelle sue connotazioni più ampie e diversificate – le curatrici Valentina Gervasoni e Sara Fumagalli hanno selezionato l’artista Elena Mazzi (Reggio Emilia, 1984) e l’opera I’m Talking to You (2016-2018), che aprirà il calendario delle proiezioni.

A cura di Sara Fumagalli e Valentina Gervasoni

Fino al 9 settembre

 

Continua la partecipazione della GAMeC ad Artists’ Film International, il prestigioso network internazionale dedicato alla videoarte che, dal 2008, coinvolge alcune tra le più importanti istituzioni internazionali d’arte contemporanea. Per questa decima edizione – il cui tema è la “verità”, nelle sue connotazioni più ampie e diversificate – le curatrici Valentina Gervasoni e Sara Fumagalli hanno selezionato l’artista Elena Mazzi (Reggio Emilia, 1984) e l’opera I’m Talking to You (2016-2018), che aprirà il calendario delle proiezioni.