Salto degli sposi

Descrizione

Un giorno della primavera del 1871, un musicista polacco di nome Massimiliano Prihoda che doveva esibirsi al Teatro della Scala a Milano, passò a trovare i suoi parenti che si erano stabiliti anni prima a Dorga, in Val Seriana. Fu talmente colpito dalla bellezza dei luoghi, soprattutto del Passo della Presolana, che decise di tornarvi successivamente con la moglie Anna Stereat, pittrice.

I due passeggiavano spesso fino al Belvedere, un dirupo che si trovava alla fine di un sentiero tra i boschi: la gente del posto si abituò a quella coppia di stranieri e iniziò a chiamarli “gli sposi”. Senza una motivazione apparente, un giorno di fine settembre, dopo un forte temporale, i due giovani si recarono al dirupo; dopo che Anna dipinse il ritratto del marito e lui compose una breve melodia dedicata alla moglie, si gettarono nel vuoto abbracciati, e così furono trovati il giorno dopo alla base dello strampiombo.

Da allora, quel luogo prende il nome di “Salto degli sposi” ed è meta degli innamorati di ogni parte che vengono qui per gettare dei fiori come augurio per il loro amore.

 


Curiosità:

Sembra che il quadro di Anna Stereat sia stato trovato per caso a Bombay (India) al Prince of Wales Museum of Western India, e che lo spartito sia stato recentemente riscoperto nella biblioteca del Conservatorio Gaetano Donizetti di Bergamo.

Continua

Un giorno della primavera del 1871, un musicista polacco di nome Massimiliano Prihoda che doveva esibirsi al Teatro della Scala a Milano, passò a trovare i suoi parenti che si erano stabiliti anni prima a Dorga, in Val Seriana. Fu talmente colpito dalla bellezza dei luoghi, soprattutto del Passo della Presolana, che decise di tornarvi successivamente con la moglie Anna Stereat, pittrice.

I due passeggiavano spesso fino al Belvedere, un dirupo che si trovava alla fine di un sentiero tra i boschi: la gente del posto si abituò a quella coppia di stranieri e iniziò a chiamarli “gli sposi”. Senza una motivazione apparente, un giorno di fine settembre, dopo un forte temporale, i due giovani si recarono al dirupo; dopo che Anna dipinse il ritratto del marito e lui compose una breve melodia dedicata alla moglie, si gettarono nel vuoto abbracciati, e così furono trovati il giorno dopo alla base dello strampiombo.

Da allora, quel luogo prende il nome di “Salto degli sposi” ed è meta degli innamorati di ogni parte che vengono qui per gettare dei fiori come augurio per il loro amore.

 


Curiosità:

Sembra che il quadro di Anna Stereat sia stato trovato per caso a Bombay (India) al Prince of Wales Museum of Western India, e che lo spartito sia stato recentemente riscoperto nella biblioteca del Conservatorio Gaetano Donizetti di Bergamo.