Convento di San Francesco - Museo della fotografia Sestini

Descrizione

Poco distante dal cuore di città alta, attraversate Piazza Mercato del fieno per scoprire un pregevole esempio di architettura conventuale medievale ricco di tesori nascosti: il Convento di San Francesco.

Questo luogo suggestivo è anche cornice dell Museo della fotografia Sestini, uno dei musei della fotografia più tecnologici d'Italia!


Convento di San Francesco

Il Chiostro delle Arche, quello del Pozzo e la Sala Capitolare vi svelano con i loro cicli di affreschi realizzati tra il Trecento e il Seicento la lunga storia di questo edificio.

La terrazza panoramica offre allo sguardo un orizzonte imperdibile: l’incrocio delle due valli, Brembana e Seriana.

Oggi sede degli uffici, degli archivi, della biblioteca del Museo delle storie di Bergamo, il convento ospita mostre temporanee
dedicate al Novecento e alla fotografia storica.

 

Museo della fotografia Sestini

Il Museo della fotografia Sestini valorizza il proprio patrimonio fotografico con un percorso espositivo interdisciplinare dedicato al mondo della fotografia storica e articolato in due sezioni: una scientifica ed una storica.

Visioni fenomenali – la sezione scientifica si sviluppa in tre ambienti. In ciascuno si propongono attività che guidano i visitatori a scoprire il processo della vista, i fenomeni che regolano la propagazione della luce, gli inganni percettivi, le analogie tra il funzionamento dell’occhio umano e della macchina fotografica.

Museo della fotografia – la sezione storica conduce i visitatori alla scoperta della storia della fotografia tra dimensione locale e internazionale. Suggestive installazioni multimediali ripropongono le tecniche di lavorazione delle fotografie dalla prima metà dell’800 alla seconda del ‘900, ricostruiscono la diffusione degli studi fotografici nella bergamasca e illustrano i fondi dell’Archivio fotografico Sestini. Il percorso è completato dall’esposizione di antiche macchine e strumentazione originale in un suggestivo viaggio nel mondo della “meravigliosa scoperta”.

CLICCA QUI

Bergamo nel Novecento. Storie dall'Archivio fotografico Sestini

Le fotografie custodite dai tredici fondi dell’Archivio fotografico Sestini si mettono in mostra per narrare le storie di Bergamo nel Novecento. Più di 100 scatti contribuiscono a comporre un mosaico multiprospettico della città, ma soprattutto offrono, in tredici tappe, un’incursione inedita tra i fondi conservati dal Museo delle storie di Bergamo.

Ogni tappa ha per cuore una storia che racconta di una città ricca di consuetudini, trasformazioni e momenti di aggregazione. Ecco allora gli scatti di avvincenti gare tra curiose macchine senza motore alla fine degli anni Cinquanta o le immagini di bergamaschi in vacanza che affollano grandi navi da crociera a cavallo tra gli anni Trenta e Quaranta. E ancora, il volto di Città Alta durante il Piano di Risanamento degli anni Trenta, le strade poco trafficate della Bergamo degli anni Sessanta e gli incantevoli paesaggi innevati della Valle Brembana.

Dal 2019 lo spazio espositivo del Museo della fotografia, nei locali dell’antica chiesa del Convento di San Francesco, offre oggi un viaggio per immagini in bianco e nero e ci ricorda che la Storia è fatta di storie: venite a scoprirle tutte!

Mostra promossa e organizzata da Museo delle storie di Bergamo, Comune di Bergamo e Siad – Fondazione Sestini

CLICCA QUI

Continua

Poco distante dal cuore di città alta, attraversate Piazza Mercato del fieno per scoprire un pregevole esempio di architettura conventuale medievale ricco di tesori nascosti: il Convento di San Francesco.

Questo luogo suggestivo è anche cornice dell Museo della fotografia Sestini, uno dei musei della fotografia più tecnologici d'Italia!


Convento di San Francesco

Il Chiostro delle Arche, quello del Pozzo e la Sala Capitolare vi svelano con i loro cicli di affreschi realizzati tra il Trecento e il Seicento la lunga storia di questo edificio.

La terrazza panoramica offre allo sguardo un orizzonte imperdibile: l’incrocio delle due valli, Brembana e Seriana.

Oggi sede degli uffici, degli archivi, della biblioteca del Museo delle storie di Bergamo, il convento ospita mostre temporanee
dedicate al Novecento e alla fotografia storica.

 

Museo della fotografia Sestini

Il Museo della fotografia Sestini valorizza il proprio patrimonio fotografico con un percorso espositivo interdisciplinare dedicato al mondo della fotografia storica e articolato in due sezioni: una scientifica ed una storica.

Visioni fenomenali – la sezione scientifica si sviluppa in tre ambienti. In ciascuno si propongono attività che guidano i visitatori a scoprire il processo della vista, i fenomeni che regolano la propagazione della luce, gli inganni percettivi, le analogie tra il funzionamento dell’occhio umano e della macchina fotografica.

Museo della fotografia – la sezione storica conduce i visitatori alla scoperta della storia della fotografia tra dimensione locale e internazionale. Suggestive installazioni multimediali ripropongono le tecniche di lavorazione delle fotografie dalla prima metà dell’800 alla seconda del ‘900, ricostruiscono la diffusione degli studi fotografici nella bergamasca e illustrano i fondi dell’Archivio fotografico Sestini. Il percorso è completato dall’esposizione di antiche macchine e strumentazione originale in un suggestivo viaggio nel mondo della “meravigliosa scoperta”.

CLICCA QUI

Bergamo nel Novecento. Storie dall'Archivio fotografico Sestini

Le fotografie custodite dai tredici fondi dell’Archivio fotografico Sestini si mettono in mostra per narrare le storie di Bergamo nel Novecento. Più di 100 scatti contribuiscono a comporre un mosaico multiprospettico della città, ma soprattutto offrono, in tredici tappe, un’incursione inedita tra i fondi conservati dal Museo delle storie di Bergamo.

Ogni tappa ha per cuore una storia che racconta di una città ricca di consuetudini, trasformazioni e momenti di aggregazione. Ecco allora gli scatti di avvincenti gare tra curiose macchine senza motore alla fine degli anni Cinquanta o le immagini di bergamaschi in vacanza che affollano grandi navi da crociera a cavallo tra gli anni Trenta e Quaranta. E ancora, il volto di Città Alta durante il Piano di Risanamento degli anni Trenta, le strade poco trafficate della Bergamo degli anni Sessanta e gli incantevoli paesaggi innevati della Valle Brembana.

Dal 2019 lo spazio espositivo del Museo della fotografia, nei locali dell’antica chiesa del Convento di San Francesco, offre oggi un viaggio per immagini in bianco e nero e ci ricorda che la Storia è fatta di storie: venite a scoprirle tutte!

Mostra promossa e organizzata da Museo delle storie di Bergamo, Comune di Bergamo e Siad – Fondazione Sestini

CLICCA QUI