Basilica S.Maria Maggiore

Basilica S.Maria Maggiore

Descrizione

Esiste un legame profondo e antico tra la città e la Basilica di Santa Maria Maggiore, che deriva probabilmente dalle singolari condizioni della sua edificazione.

Nei primi anni del 1100, una terribile epidemia di peste dilaga in Europa provocando morti e desolazione. Gli abitanti di Bergamo decidono allora di chiedere aiuto alla Madonna: se li proteggerà dal contagio le dedicheranno una chiesa come ringraziamento. E siccome i bergamaschi sono persone di parola, nel 1137 danno seguito al voto e sulla Piazza del Duomo in Città Alta costruiscono la Basilica di Santa Maria Maggiore.

Fanno le cose in grande: la chiesa rivela fin da subito il suo splendore e viene ulteriormente abbellita nei secoli successivi. Affreschi, stucchi, arazzi e tarsie lignee realizzate su disegno del famosissimo artista Lorenzo Lotto decorano oggi l’interno dell’edificio. 

Dentro Santa Maria Maggiore è custodito inoltre il monumento funebre a Gaetano Donizetti, famosissimo compositore, simbolo e portavoce di Bergamo nel mondo.


La Basilica è particolare perché caratterizzata dalla mancanza di un ingresso centrale e della facciata, che costituiva una parete unica con il palazzo attiguo.

I quattro accessi alla chiesa infatti sono tutti laterali. Alla base delle colonnine dei protiri (piccoli portici posti a protezione e copertura dell'ingresso principale di una chiesa) trecenteschi di Giovanni da Campione, quattro leoni rossi e bianchi in marmo sorvegliano impassibili e maestosi l’ingresso settentrionale e quello meridionale.

Nel versante nord si apre su Piazza Duomo la porta detta dei Leoni rossi; il fianco meridionale invece affaccia su piazza Rosate con la porta detta dei Leoni bianchi. La diversa colorazione è data dal tipo di marmo utilizzato: quello veronese per i rossi e quello di Candoglia (nella piemontese Val d’Ossola) per i bianchi.

Anche il luogo scelto non è casuale: da sempre considerato sacro, già in epoca romana ospitava un tempio pagano poi distrutto dedicato alla dea Clemenza e nell’VIII secolo vi venne edificata un’altra chiesa dedicata alla Vergine.

Curiosità

Tra le due porte sul lato settentrionale sono infisse nel muro le antiche misure in vigore a Bergamo durante il periodo medievale: il Capitium Comunis Pergami (cavezzo - 2,63 metri) e il Brachium (braccio - 53,1 cm) a cui i tessitori e i commercianti facevano riferimento quando facevano affari.

note: I pannelli protettivi dele tarsie del Lotto vengono rimossi solo nei giorni festivi o, eventualmente, previa richiesta scritta alla MIA

Continua

Esiste un legame profondo e antico tra la città e la Basilica di Santa Maria Maggiore, che deriva probabilmente dalle singolari condizioni della sua edificazione.

Nei primi anni del 1100, una terribile epidemia di peste dilaga in Europa provocando morti e desolazione. Gli abitanti di Bergamo decidono allora di chiedere aiuto alla Madonna: se li proteggerà dal contagio le dedicheranno una chiesa come ringraziamento. E siccome i bergamaschi sono persone di parola, nel 1137 danno seguito al voto e sulla Piazza del Duomo in Città Alta costruiscono la Basilica di Santa Maria Maggiore.

Fanno le cose in grande: la chiesa rivela fin da subito il suo splendore e viene ulteriormente abbellita nei secoli successivi. Affreschi, stucchi, arazzi e tarsie lignee realizzate su disegno del famosissimo artista Lorenzo Lotto decorano oggi l’interno dell’edificio. 

Dentro Santa Maria Maggiore è custodito inoltre il monumento funebre a Gaetano Donizetti, famosissimo compositore, simbolo e portavoce di Bergamo nel mondo.


La Basilica è particolare perché caratterizzata dalla mancanza di un ingresso centrale e della facciata, che costituiva una parete unica con il palazzo attiguo.

I quattro accessi alla chiesa infatti sono tutti laterali. Alla base delle colonnine dei protiri (piccoli portici posti a protezione e copertura dell'ingresso principale di una chiesa) trecenteschi di Giovanni da Campione, quattro leoni rossi e bianchi in marmo sorvegliano impassibili e maestosi l’ingresso settentrionale e quello meridionale.

Nel versante nord si apre su Piazza Duomo la porta detta dei Leoni rossi; il fianco meridionale invece affaccia su piazza Rosate con la porta detta dei Leoni bianchi. La diversa colorazione è data dal tipo di marmo utilizzato: quello veronese per i rossi e quello di Candoglia (nella piemontese Val d’Ossola) per i bianchi.

Anche il luogo scelto non è casuale: da sempre considerato sacro, già in epoca romana ospitava un tempio pagano poi distrutto dedicato alla dea Clemenza e nell’VIII secolo vi venne edificata un’altra chiesa dedicata alla Vergine.

Curiosità

Tra le due porte sul lato settentrionale sono infisse nel muro le antiche misure in vigore a Bergamo durante il periodo medievale: il Capitium Comunis Pergami (cavezzo - 2,63 metri) e il Brachium (braccio - 53,1 cm) a cui i tessitori e i commercianti facevano riferimento quando facevano affari.

note: I pannelli protettivi dele tarsie del Lotto vengono rimossi solo nei giorni festivi o, eventualmente, previa richiesta scritta alla MIA

Accessibilità

Informazioni utili relative all'accessibilità della basilica.

RAGGIUNGERE

Parcheggi: 

a 50 metri (piazza Rosate): parcheggio pubblico riservato a residenti e privo di posti auto riservati e con pavimentazione in acciottolato possibilità di richiesta pass ai Vigili urbani).

a 300 metri (Piazza Mercato del Fieno): 1 posto auto riservato con pavimentazione in acciottolato.

Mezzi pubblici:

a 280 metri: Stazione Superiore Funicolare; una delle due cabine è accessibile con montascale.

Percorso di avvicinamento:

Percorso pedonale di avvicinamento all'ingresso meridionale (unico accessibile): in discesa (pendenza 7-8%) e difficoltoso per necessità attraversamento tratto stradale pavimentato in acciottolato privo di segnalazioni tattilo-plantari. Il sagrato è pure in acciottolato, ma più fine.


ENTRARE: 

Da ingresso sud-ovest (Portale secondario sempre aperto): porta di larghezza adeguata e in piano.


VISITARE:

Spazio interno in piano e percorribile eccetto presbiterio e coro preceduto da 3 gradini

Opere d'arte visibili eccetto quelle conservate nel Presbiterio.

Non esistono ausili per non vedenti.

USARE IL BAGNO:

Non ci sono servizi igienici.

 

 

Valutazione sintetica  

persona con disabilità motoria : accessibile con accompagnatore 
persona con disabilità visiva : accessibile con accompagnatore

Gallery

Da non perdere nei dintorni

Chiara Gambirasio

Visite guidate di Bergamo

Vedi tutte le date

Visite guidate di Bergamo

Via Gombito, 13, 24129 Bergamo, Bergamo

LA DISPENSA DI ARLECCHINO

Museo e tesoro della Cattedrale

Caffè del Tasso

Casa Mario Lupo

Sant'Ambroeus

LALIMENTARI

Curia Generalizia delle Figlie del Sacro Cuore di Gesù

Ateneo Scienze Lettere e Arti
Piazza Duomo

FRANCO BLUMER

  • Vicolo Aquila Nera, 2, 24129 Bergamo, Bergamo