Nulla è perduto. Arte e materia in trasformazione

Nulla è perduto. Arte e materia in trasformazione

Descrizione

Ecco il secondo capitolo de La Trilogia della Materia, progetto espositivo inaugurato nel 2018 e ispirato alle molteplici trasformazioni della realtà.

Il progetto, che prevede in tutto un ciclo di tre mostre, nasce da una riflessione multidisciplinare sul tema della materia, resa possibile dalla partecipazione di storici dell’arte, curatori, filosofi e scienziati. La mostra ora in programma espone opere di artisti che, in generazioni diverse, hanno osservato la vita degli elementi per indagare sulla realtà delle cose, sul mutamento e sul tempo.
Troverai creazioni dada, surrealiste, di neoavanguardia e la nuova installazione ambientale di Nina Canell, al confine tra organico e inorganico, tra vivente ed inerte.
“Rien ne se perd” - nulla si perde: principio fondamentale di Lavoisier e punto di partenza di molte delle riflessioni in esposizione quest'inverno alla GAMeC.

 

QUANDO
Dal 15 ottobre 2021 al 13 febbraio 2022.

Orari di apertura:

Lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì: 15:00 - 19:00
aperto al mattino per scuole e gruppi prenotati
Sabato e domenica: 10:00-19:00
Martedì chiuso

 

MAGGIORI INFORMAZIONI

www.gamec.it/nulla-e-perduto-arte-e-materia-in-trasformazione
Biglietteria GAMeC tel. 035 270272 – int. 408 | biglietteria@gamec.it 

Biglietto intero € 8,00 | ridotto e gruppi € 6,00 | scuole prenotate gratuito

 

La Raccolta Spajani, parte della Collezione della GAMeC, chiude alle ore 18:00.


Continua

Ecco il secondo capitolo de La Trilogia della Materia, progetto espositivo inaugurato nel 2018 e ispirato alle molteplici trasformazioni della realtà.

Il progetto, che prevede in tutto un ciclo di tre mostre, nasce da una riflessione multidisciplinare sul tema della materia, resa possibile dalla partecipazione di storici dell’arte, curatori, filosofi e scienziati. La mostra ora in programma espone opere di artisti che, in generazioni diverse, hanno osservato la vita degli elementi per indagare sulla realtà delle cose, sul mutamento e sul tempo.
Troverai creazioni dada, surrealiste, di neoavanguardia e la nuova installazione ambientale di Nina Canell, al confine tra organico e inorganico, tra vivente ed inerte.
“Rien ne se perd” - nulla si perde: principio fondamentale di Lavoisier e punto di partenza di molte delle riflessioni in esposizione quest'inverno alla GAMeC.

 

QUANDO
Dal 15 ottobre 2021 al 13 febbraio 2022.

Orari di apertura:

Lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì: 15:00 - 19:00
aperto al mattino per scuole e gruppi prenotati
Sabato e domenica: 10:00-19:00
Martedì chiuso

 

MAGGIORI INFORMAZIONI

www.gamec.it/nulla-e-perduto-arte-e-materia-in-trasformazione
Biglietteria GAMeC tel. 035 270272 – int. 408 | biglietteria@gamec.it 

Biglietto intero € 8,00 | ridotto e gruppi € 6,00 | scuole prenotate gratuito

 

La Raccolta Spajani, parte della Collezione della GAMeC, chiude alle ore 18:00.


Da non perdere nei dintorni