Parco dell'Adda

Descrizione

Il Parco dell’Adda è un’area naturale protetta di 5800 ettari che si snoda lungo le rive del fiume Adda. Ideale per escursioni a piedi, in bici o a cavallo e per il birdwatching.

Passeggiando lungo le sponde del fiume potrai incontrare una grande varietà di piante: ontani neri, platani, betulle, salici e querce e nelle aree paludose numerosi fiori d’acqua, come la ninfea, il giglio selvatico giallo e il mughetto.

All’interno del parco si trova un sito d’importanza comunitaria per la presenza di diversi habitat di tipo palustre: scoprili nella palude di Brivio.

Il parco è interessante anche per la sua fauna tipica: la regina degli anfibi è la raganella dalla livrea verde brillante con una striscia nera che corre lungo i fianchi. Ma non è sola, troviamo numerosi esemplari di rana verde e di rana temporaria dal colore brunastro.

Il parco ospita l’Oasi dell’Alberone, una riserva naturale formatasi grazie alla rientranza di un argine del fiume dove si pratica birdwatching. Nel canneto nidificano diverse specie di uccelli tra le quali porciglioni, pendolini e tarabusi.

Per scoprire le bellezze dell’Adda puoi navigare il fiume a bordo di Addarella, un’imbarcazione ecologica al 100% oppure puoi attraversarlo con il famoso Traghetto di Leonardo, un traghetto a mano, che sfrutta l’energia della corrente per muoversi tra Imbersago e Villa d’Adda.

All’interno del parco vi è un sito Unesco, patrimonio mondiale dell’umanità: il villaggio operaio di Crespi d’Adda. Esempio illustre di archeologia industriale ottocentesca.

Altra opera degna di nota è il Ponte di San Michele a Paderno, un ponte completamente in ferro, simbolo dell’archeologia industriale che condivide con la Torre Eiffel la tecnica costruttiva e il periodo di realizzazione.

 


Continua

Il Parco dell’Adda è un’area naturale protetta di 5800 ettari che si snoda lungo le rive del fiume Adda. Ideale per escursioni a piedi, in bici o a cavallo e per il birdwatching.

Passeggiando lungo le sponde del fiume potrai incontrare una grande varietà di piante: ontani neri, platani, betulle, salici e querce e nelle aree paludose numerosi fiori d’acqua, come la ninfea, il giglio selvatico giallo e il mughetto.

All’interno del parco si trova un sito d’importanza comunitaria per la presenza di diversi habitat di tipo palustre: scoprili nella palude di Brivio.

Il parco è interessante anche per la sua fauna tipica: la regina degli anfibi è la raganella dalla livrea verde brillante con una striscia nera che corre lungo i fianchi. Ma non è sola, troviamo numerosi esemplari di rana verde e di rana temporaria dal colore brunastro.

Il parco ospita l’Oasi dell’Alberone, una riserva naturale formatasi grazie alla rientranza di un argine del fiume dove si pratica birdwatching. Nel canneto nidificano diverse specie di uccelli tra le quali porciglioni, pendolini e tarabusi.

Per scoprire le bellezze dell’Adda puoi navigare il fiume a bordo di Addarella, un’imbarcazione ecologica al 100% oppure puoi attraversarlo con il famoso Traghetto di Leonardo, un traghetto a mano, che sfrutta l’energia della corrente per muoversi tra Imbersago e Villa d’Adda.

All’interno del parco vi è un sito Unesco, patrimonio mondiale dell’umanità: il villaggio operaio di Crespi d’Adda. Esempio illustre di archeologia industriale ottocentesca.

Altra opera degna di nota è il Ponte di San Michele a Paderno, un ponte completamente in ferro, simbolo dell’archeologia industriale che condivide con la Torre Eiffel la tecnica costruttiva e il periodo di realizzazione.