Km Rosso - Parco tecnologico

Descrizione

Un sogno realizzato per chi ama la ricerca e l’innovazione: il KM Rosso è la casa di start-up, centri studio, laboratori, progetti scientifici. Un forte legame con il territorio punta a creare sinergie e sviluppo, coinvolgendo aziende, Università, Enti pubblici, per esportare il Made in Bergamo nel mondo.

Ospita i grandi nomi dell’industria internazionale insieme con giovani realtà che cercano di affermarsi: la commistione tra questi due attori permette il fiorire di partnership altrimenti difficili da realizzare.

Progettato dall’archistar Jean Nouvel, il Parco Scientifico Tecnologico è uno dei primi 10 luoghi d’eccellenza per l’innovazione in Italia.

Il concetto portante è stato quello di coniugare ambiente e innovazione, creando una struttura di ricerca in un’area verde. Oltre 200.000 mq di campus all’americana protetti da un muro lungo un chilometro dalla tonalità rossa brillante che segna una direzione netta ed è ben visibile dalle migliaia di auto che transitano ogni giorno in autostrada. E’ un sipario e una linea di confine tra il traffico autostradale e l’oasi di ricerca.


Continua

Un sogno realizzato per chi ama la ricerca e l’innovazione: il KM Rosso è la casa di start-up, centri studio, laboratori, progetti scientifici. Un forte legame con il territorio punta a creare sinergie e sviluppo, coinvolgendo aziende, Università, Enti pubblici, per esportare il Made in Bergamo nel mondo.

Ospita i grandi nomi dell’industria internazionale insieme con giovani realtà che cercano di affermarsi: la commistione tra questi due attori permette il fiorire di partnership altrimenti difficili da realizzare.

Progettato dall’archistar Jean Nouvel, il Parco Scientifico Tecnologico è uno dei primi 10 luoghi d’eccellenza per l’innovazione in Italia.

Il concetto portante è stato quello di coniugare ambiente e innovazione, creando una struttura di ricerca in un’area verde. Oltre 200.000 mq di campus all’americana protetti da un muro lungo un chilometro dalla tonalità rossa brillante che segna una direzione netta ed è ben visibile dalle migliaia di auto che transitano ogni giorno in autostrada. E’ un sipario e una linea di confine tra il traffico autostradale e l’oasi di ricerca.