Tempietto S. Croce

Descrizione

Il prestigioso complesso ecclesiastico di Bergamo Alta, composto dalla Basilica di Santa Maria Maggiore e dal Duomo, è completato dal Tempietto di Santa Croce, oggi più defilato ma un tempo elemento integrante del centro città. L’edificio viene citato già in un documento del 1133 e definito come “capella episcopi”, ovvero cappella del vescovo.

Che funzione aveva allora questo minuto edificio? Collegato all’antico Palazzo vescovile, oltre che alla Basilica, costituiva l’Aula della Curia dove il Vescovo dava udienza.

Si compone di due volumi soprapposti, uno a pianta quadrilobata e l’altro ottagonale e riprende lo schema centrale di altri edifici romanici situati nella provincia di Bergamo, come la Rotonda di San Tomè ad Almenno San Bartolomeo, la basilica di Santa Giulia a Bonate sotto e il priorato di Sant’Egidio a Fontanella di Sotto il Monte.

All’interno inoltre potrai ammirare numerosi affreschi medievali che raccontano episodi della vita di Gesù e che sono stati recentemente riportati in luce. 


Continua

Il prestigioso complesso ecclesiastico di Bergamo Alta, composto dalla Basilica di Santa Maria Maggiore e dal Duomo, è completato dal Tempietto di Santa Croce, oggi più defilato ma un tempo elemento integrante del centro città. L’edificio viene citato già in un documento del 1133 e definito come “capella episcopi”, ovvero cappella del vescovo.

Che funzione aveva allora questo minuto edificio? Collegato all’antico Palazzo vescovile, oltre che alla Basilica, costituiva l’Aula della Curia dove il Vescovo dava udienza.

Si compone di due volumi soprapposti, uno a pianta quadrilobata e l’altro ottagonale e riprende lo schema centrale di altri edifici romanici situati nella provincia di Bergamo, come la Rotonda di San Tomè ad Almenno San Bartolomeo, la basilica di Santa Giulia a Bonate sotto e il priorato di Sant’Egidio a Fontanella di Sotto il Monte.

All’interno inoltre potrai ammirare numerosi affreschi medievali che raccontano episodi della vita di Gesù e che sono stati recentemente riportati in luce.