Senza golosità, che Natale è?
Un proverbio cinese recita: “Mangiare è uno dei quattro scopi della vita… quali siano gli altri tre, nessuno lo ha mai saputo”. Segui la saggezza popolare.

Quest’anno a Natale regalati il più goloso dei viaggi: quello tra le specialità della cucina bergamasca!

Con il freddo, arriva puntuale anche la voglia di cibi caldi, fumanti e profumati: un piacere per il corpo e per la mente. A Bergamo l’unico tuo problema sarà la troppa scelta quando vorrai regalarti una coccola golosa: potresti infatti degustare un intero pranzo a base di prodotti locali, tutti di ottima qualità.

Antipasti di formaggi D.O.P., casoncelli, polenta in infinite varianti, pizza, cioccolata calda, il dolce “polenta e osèi”, vini e moscati, birra...

E’ giunto il momento: abbandona ogni velleità di dieta e tuffati nelle nostre prelibatezze!

La terra di Bergamo annovera ben 9 D.O.P. tra i suoi formaggi: devi assaggiarli per forza! Da soli o fusi in un saporito risotto, mescolati alla farina di mais di Gandino per una polenta esagerata, impanati e fritti per un finger food inusuale…Che acquolina!
I casoncelli sono ravioli di pasta fresca che racchiude un ripieno di carne, amaretti, uva sultanina, pangrattato e grana padano. Se li gusti con pancetta, burro fuso e qualche foglia di salvia ti sembrerà di volare... sulla slitta di Babbo Natale.
La diretta concorrente dei casoncelli è la polenta: piatto della tradizione “povera”, viene da sempre arricchita con formaggi, salsicce, burro… Una delizia, disponibile anche in formato street food.
Moltissime sono le pizzerie in città, oltre alle ricette classiche, fatti tentare dalle sperimentazioni dei nostri chef. Tra accostamenti inusuali, farine bio e gluten free, ingredienti a km zero, la pizza colora il Natale di Bergamo.
Amiamo a tal punto la polenta da volerla gustare in ogni versione, anche dolce. Così abbiamo creato una “polenta e osèi” in pan di spagna, liquore all’arancia, pasta di mandorle e uccelletti di cioccolato. Si scioglie in bocca.
Capitolo bevande. Accompagna i pasti natalizi con i vini bergamaschi D.O.C. come il Valcalepio il Moscato di Scanzo, oppure goditi un’ottima birra artigianale prodotta nei diversi birrifici indipendenti della provincia.
Per i Maya, il cacao diluito era la bevanda degli dei: la sua versione aggiornata, ovvero la cioccolata calda, mantiene inalterate le caratteristiche divine. Bergamo è ricca di locali specializzati in questa lussuriosa e natalizia prelibatezza: scoprili.