La Bergamo dei Formaggi
Viaggio nel gusto

I paesaggi di Bergamo, tra campagna, valli e montagne offrono lo spettacolo di viste mozzafiato, ma anche specialità enogastronomiche gustosissime: con un primato italiano nei formaggi a Denominazione d'Origine Protetta (DOP) la provincia è la più ricca per varietà e pregio caseario.

Oltre 120 pascoli e alpeggi da cui arriva il miglior latte vaccino e di capra, portano sulla tavola bergamasca 9 formaggi DOP, 3 presidi Slow Food e numerosi altri formaggi parte dell'elenco regionale dei prodotti tipici.

 

Per assaggiare i prodotti di valli e campagne della Bergamasca ci si può accomodare in Domus Bergamo, il salotto del gusto in Piazza Dante, oppure alla baita dei saperi e dei sapori brembani a Zogno, per una gita enogastronomica fuori porta.
I nomi dei formaggi spesso raccontano il processo di realizzazione: come il Salva, lo stracchino di primavera fatto per “salvare” il tanto latte prodotto oppure il Quartirolo che nasce con il latte del quarto taglio d'erba.
Altri presidi Slow Food della bergamasca sono il delizioso Agrì di Valtorta e il Bitto Storico un formaggio corposo realizzato aggiungendo alla pasta anche latte di capra.
Un assaggio lo merita lo Stracchino all'Antica, presidio Slow Food, della famiglia degli stracchini, il cui nome deriva da stracche, aggettivo bergamasco riferito alle mucche stanche per la transumanza.
Da provare lo Strachitunt, ultimo arrivato in ordine cronologico tra i formaggi DOP, tra cui ci sono Formai de Mut, Taleggio, Bitto, Grana Padano, Gorgonzola, Quartirolo Lombardo, Provolone Valpadana e Salva Cremasco.