Porta del Soccorso

Descrizione

La Porta del Soccorso deve il proprio nome al ruolo di “aiuto” che svolgeva negli scorsi secoli in caso di emergenza: attraverso questo varco nascosto, i bergamaschi potevano entrare e uscire dalla cinta delle Mura senza essere visti. Era così possibile cogliere i nemici di sorpresa, attaccandoli da un punto inaspettato, o fuggire in caso di assedio, o ancora correre a difendere il vicino Castello di San Vigilio.

Questa veniva utilizzata solamente nelle situazioni critiche: in tempi tranquilli, né merci né persone la attraversavano.


Per trovarla, bisogna raggiungere via Cavagnis e imboccare via Sotto le mura di Sant’Alessandro. È anonima, senza stemmi o altri segni distintivi, a parte due fessure verticali nella pietra che testimoniano l’antica presenza di un ponte levatoio; potrebbe sembrare l’accesso a una cantina, mentre in realtà conduce attraverso corridoi sotterranei alla piazza del Forte di San Marco.

La piazza consisteva in uno spazio dove alloggiavano soldati, armi e viveri, e da cui partivano alcune gallerie che terminavano alle cannoniere e alle casematte. In caso di assedio, le truppe sarebbero potute uscire dalla Porta del Soccorso così da sorprendere i nemici e impedire una loro avanzata verso il Castello di San Vigilio, ultimo baluardo cittadino. Al medesimo tempo esisteva un corridoio a cielo aperto, oggi scomparso, che collegava il forte al castello. Da qui transitavano viveri e munizioni, senza che il nemico potesse accorgersene.

Dopo vari passaggi storici, dai francesi agli austriaci, il forte di San Marco è ora di proprietà privata, compresa la porta del Soccorso e le sorprendenti strutture sotterranee.

Continua

La Porta del Soccorso deve il proprio nome al ruolo di “aiuto” che svolgeva negli scorsi secoli in caso di emergenza: attraverso questo varco nascosto, i bergamaschi potevano entrare e uscire dalla cinta delle Mura senza essere visti. Era così possibile cogliere i nemici di sorpresa, attaccandoli da un punto inaspettato, o fuggire in caso di assedio, o ancora correre a difendere il vicino Castello di San Vigilio.

Questa veniva utilizzata solamente nelle situazioni critiche: in tempi tranquilli, né merci né persone la attraversavano.


Per trovarla, bisogna raggiungere via Cavagnis e imboccare via Sotto le mura di Sant’Alessandro. È anonima, senza stemmi o altri segni distintivi, a parte due fessure verticali nella pietra che testimoniano l’antica presenza di un ponte levatoio; potrebbe sembrare l’accesso a una cantina, mentre in realtà conduce attraverso corridoi sotterranei alla piazza del Forte di San Marco.

La piazza consisteva in uno spazio dove alloggiavano soldati, armi e viveri, e da cui partivano alcune gallerie che terminavano alle cannoniere e alle casematte. In caso di assedio, le truppe sarebbero potute uscire dalla Porta del Soccorso così da sorprendere i nemici e impedire una loro avanzata verso il Castello di San Vigilio, ultimo baluardo cittadino. Al medesimo tempo esisteva un corridoio a cielo aperto, oggi scomparso, che collegava il forte al castello. Da qui transitavano viveri e munizioni, senza che il nemico potesse accorgersene.

Dopo vari passaggi storici, dai francesi agli austriaci, il forte di San Marco è ora di proprietà privata, compresa la porta del Soccorso e le sorprendenti strutture sotterranee.

Da non perdere nei dintorni

L’Atelier di Rita Patelli

Laderouge Michela Del Rosso

VILLA DE HURA

Polveriera veneziana

Fumagalli città alta

LA MARIANNA

COLOMBINA

FESTIVAL DANZA ESTATE 2019

Vedi tutte le date

FESTIVAL DANZA ESTATE 2019

Via Bartolomeo Colleoni, 4, 24129 Bergamo , Bergamo

Agnese Bergamo Old Town

Orto Botanico di Bergamo "Lorenzo Rota": una finestra sul paesaggio

IL DUCALE

I Ghiri