Cittadella Viscontea • • Visit Bergamo

Cittadella Viscontea

Descrizione

Una cittadella fortificata, nel punto più centrale di Bergamo: con quale scopo? Per difendersi dagli attacchi nemici e come presidio in caso di insurrezione popolare, certo, ma soprattutto per ricordare in ogni momento ai sudditi locali il vasto potere di chi li governava: la famiglia Visconti, che era a capo del Ducato di Milano e dominatrice di Bergamo dal 1332 al 1428. 

Oggi questo spazio è diventato una caratteristica piazza di Città Alta e ospita ancora diversi segni del suo variegato passato.

Arrivando dal centro storico, passerai sotto la Torre della Campanella: ad ovest potrai vedere una postierla medievale (porticina di ingresso nelle preesistenti mura medievali).

Attraversandola, incontrerai una strada romana (il breve tratto lastricato prima dell’acciottolato che conduce alla postierla) e passerai sotto le volte ribassate e i pilastri cilindrici di epoca romanica, appartenenti a un’antica residenza privata.

Appena uscito dal porticato, troverai il giardino La Crotta, un luogo magico con alberi e cespugli intervallati da sentieri fatti di lastre rettangolari d'arenaria. Nascoste tra il verde, appartate panchine in pietra ti aspettano per una sosta romantica.


Sul lato nord della piazza puoi veder svettare la Torre di Adalberto ma non pensare di visitarla: è priva di accessi a piano terra e l’unico modo per entravi è usare una scala fino all’uscio posto a metà costruzione! Il perché è presto detto, questa torre era anche nota come la “torre della Fame” e qui venivano imprigionati coloro che si macchiavano di gravi reati.

La posizione della cittadella era altamente strategica: complementare alla Rocca (altra struttura militare) che era costruita a est sul colle Sant'Eufemia, racchiudeva il centro storico di Bergamo tra due colli fortificati che formavano un unico e coordinato complesso difensivo. Anche dal punto di vista simbolico, la città risultava in tal modo dominata dalle costruzioni dei Visconti, da cui era tenuta in notevole soggezione.

Il forte vero e proprio, chiamato Firma Fides, sorgeva in posizione sopraelevata sul colle S. Giovanni, dove oggi puoi vedere il Seminario vescovile.

L’attuale piazza della Cittadella risale invece al 1379: era il cortile dell’Hospitium Magnum, che ospitava gli alloggiamenti per la guarnigione militare. Attualmente, nella piazza della Cittadella potrai visitare anche il rinomato polo culturale costituito dal Civico Museo Archeologico e dal museo di Scienze Naturali "E. Caffi".

Continua

Una cittadella fortificata, nel punto più centrale di Bergamo: con quale scopo? Per difendersi dagli attacchi nemici e come presidio in caso di insurrezione popolare, certo, ma soprattutto per ricordare in ogni momento ai sudditi locali il vasto potere di chi li governava: la famiglia Visconti, che era a capo del Ducato di Milano e dominatrice di Bergamo dal 1332 al 1428. 

Oggi questo spazio è diventato una caratteristica piazza di Città Alta e ospita ancora diversi segni del suo variegato passato.

Arrivando dal centro storico, passerai sotto la Torre della Campanella: ad ovest potrai vedere una postierla medievale (porticina di ingresso nelle preesistenti mura medievali).

Attraversandola, incontrerai una strada romana (il breve tratto lastricato prima dell’acciottolato che conduce alla postierla) e passerai sotto le volte ribassate e i pilastri cilindrici di epoca romanica, appartenenti a un’antica residenza privata.

Appena uscito dal porticato, troverai il giardino La Crotta, un luogo magico con alberi e cespugli intervallati da sentieri fatti di lastre rettangolari d'arenaria. Nascoste tra il verde, appartate panchine in pietra ti aspettano per una sosta romantica.


Sul lato nord della piazza puoi veder svettare la Torre di Adalberto ma non pensare di visitarla: è priva di accessi a piano terra e l’unico modo per entravi è usare una scala fino all’uscio posto a metà costruzione! Il perché è presto detto, questa torre era anche nota come la “torre della Fame” e qui venivano imprigionati coloro che si macchiavano di gravi reati.

La posizione della cittadella era altamente strategica: complementare alla Rocca (altra struttura militare) che era costruita a est sul colle Sant'Eufemia, racchiudeva il centro storico di Bergamo tra due colli fortificati che formavano un unico e coordinato complesso difensivo. Anche dal punto di vista simbolico, la città risultava in tal modo dominata dalle costruzioni dei Visconti, da cui era tenuta in notevole soggezione.

Il forte vero e proprio, chiamato Firma Fides, sorgeva in posizione sopraelevata sul colle S. Giovanni, dove oggi puoi vedere il Seminario vescovile.

L’attuale piazza della Cittadella risale invece al 1379: era il cortile dell’Hospitium Magnum, che ospitava gli alloggiamenti per la guarnigione militare. Attualmente, nella piazza della Cittadella potrai visitare anche il rinomato polo culturale costituito dal Civico Museo Archeologico e dal museo di Scienze Naturali "E. Caffi".