Museo Storico dell'Età veneta • • Visit Bergamo

Museo Storico dell'Età veneta

Descrizione

La sezione del Museo storico dedicata all’Età veneta è decisamente particolare: non il museo come lo puoi intendere in senso classico, ma una serie di strumenti multimediali che ti permetteranno di conoscere mentre ti diverti.
Nell’antico Palazzo del Podestà, in Piazza Vecchia, ascolterai il passato che ti parlerà attraverso dipinti, manoscritti, mappe e documenti tornate a vivere grazie alle tecnologia.
Intraprendi quindi il tuo fantastico viaggio lungo tutto il Cinquecento, quando Bergamo si inserisce in uno scenario geografico improvvisamente ampliato con la scoperta dell’America e con le navigazioni degli esploratori verso l’estremità meridionale dell’Africa e verso l’est. La storia ti parlerà attraverso voci, suoni, immagini, ricostruzioni ambientali: una narrazione a 360 gradi, un’esperienza intensa e totalizzante.


Il Museo è suddiviso in 7 sale tematiche, ognuna dotata dell’allestimento multimediale basato su un sistema tecnologico integrato che gestisce grafiche, animazioni, suoni, movimenti. Grazie alle schede di approfondimento, ai 30 tablet che integrano il percorso e ai QR Codes, potrai personalizzare la tua visita come preferisci.
Il Palazzo del Podestà che ospita il museo, sorge su un’area dove sono stati ritrovati insediamenti del VI-V secolo a.C: entrando, prima del Museo, incontrerai un sito archeologico che si inabissa fino a 2,5 metri di profondità.
Procedendo di sala in sala, parteciperai all’evoluzione della storia del Cinquecento da protagonista: vedrai le carte geografiche sempre più dettagliate dopo la scoperta dell’America; sarai protagonista degli itinerari di viaggio come erano cinque secoli fa, con pericoli e imprevisti; osserverai Bergamo ancora priva delle mura venete e le vite dei suoi abitanti; assisterai al brulicare di commerci e traffici di spezie e libri, ormai diffusi perché realizzati con i caratteri mobili.
Infine, ti troverai nell’affollato prato di Sant’Alessandro, dove si svolgeva il mercato della Fiera, con suoni e voci dell’epoca a farti compagnia.

Continua

La sezione del Museo storico dedicata all’Età veneta è decisamente particolare: non il museo come lo puoi intendere in senso classico, ma una serie di strumenti multimediali che ti permetteranno di conoscere mentre ti diverti.
Nell’antico Palazzo del Podestà, in Piazza Vecchia, ascolterai il passato che ti parlerà attraverso dipinti, manoscritti, mappe e documenti tornate a vivere grazie alle tecnologia.
Intraprendi quindi il tuo fantastico viaggio lungo tutto il Cinquecento, quando Bergamo si inserisce in uno scenario geografico improvvisamente ampliato con la scoperta dell’America e con le navigazioni degli esploratori verso l’estremità meridionale dell’Africa e verso l’est. La storia ti parlerà attraverso voci, suoni, immagini, ricostruzioni ambientali: una narrazione a 360 gradi, un’esperienza intensa e totalizzante.


Il Museo è suddiviso in 7 sale tematiche, ognuna dotata dell’allestimento multimediale basato su un sistema tecnologico integrato che gestisce grafiche, animazioni, suoni, movimenti. Grazie alle schede di approfondimento, ai 30 tablet che integrano il percorso e ai QR Codes, potrai personalizzare la tua visita come preferisci.
Il Palazzo del Podestà che ospita il museo, sorge su un’area dove sono stati ritrovati insediamenti del VI-V secolo a.C: entrando, prima del Museo, incontrerai un sito archeologico che si inabissa fino a 2,5 metri di profondità.
Procedendo di sala in sala, parteciperai all’evoluzione della storia del Cinquecento da protagonista: vedrai le carte geografiche sempre più dettagliate dopo la scoperta dell’America; sarai protagonista degli itinerari di viaggio come erano cinque secoli fa, con pericoli e imprevisti; osserverai Bergamo ancora priva delle mura venete e le vite dei suoi abitanti; assisterai al brulicare di commerci e traffici di spezie e libri, ormai diffusi perché realizzati con i caratteri mobili.
Infine, ti troverai nell’affollato prato di Sant’Alessandro, dove si svolgeva il mercato della Fiera, con suoni e voci dell’epoca a farti compagnia.