12 ore a Lovere • • Visit Bergamo

12 ore a Lovere

Description

Il lungolago si rivela specchio perfetto per palazzi e ville che alternano stili tra il neoclassico e il liberty. Le stradine del centro, invece di chiaro sapore medievale, conducono alla scoperta di abitazioni del Quattro-Cinquecento, mentre al di sopra di tutto svettano la torre civica e le case-torri delle famiglie nobili, così come le silhouette delle chiese e dei campanili.

Centro nevralgico di scambi tra Lombardia e Trentino, Lovere offre il fascino dei colori naturali in perenne alternanza, dei sapori tipici e delle influenze molteplici che solo i terreni di confine possono offrire. 


Continuer

Il lungolago si rivela specchio perfetto per palazzi e ville che alternano stili tra il neoclassico e il liberty. Le stradine del centro, invece di chiaro sapore medievale, conducono alla scoperta di abitazioni del Quattro-Cinquecento, mentre al di sopra di tutto svettano la torre civica e le case-torri delle famiglie nobili, così come le silhouette delle chiese e dei campanili.

Centro nevralgico di scambi tra Lombardia e Trentino, Lovere offre il fascino dei colori naturali in perenne alternanza, dei sapori tipici e delle influenze molteplici che solo i terreni di confine possono offrire. 


8:00-09:00

Per raggiungere Lovere da Bergamo, in auto, bisogna seguire le indicazioni Lovere/Lago d’Iseo e imboccare la Strada Statale 42.

Continuer

Per raggiungere Lovere da Bergamo, in auto, bisogna seguire le indicazioni Lovere/Lago d’Iseo e imboccare la Strada Statale 42.

9:00-11:00 - Accademia di Belle arti Tadini

Piccolo il museo, grande la bellezza!

L’Accademia fu costruita tra il 1821 e il 1826 dal conte Luigi Tadini il quale, tre anni più tardi, fondò l’Istituto di Belle Arti che porta il suo nome. Ospita preziose opere che il conte andava raccogliendo così che potessero essere da modello per i giovani artisti, e a questo scopo venne annessa poi una scuola di disegno e di musica, tuttora attiva.

Nelle 33 sale sono esposti capolavori di celebri artisti, come Jacopo Bellini, Palma il Giovane, Francesco Benaglio, Giacomo Ceruti, fra’ Galgario, Giandomenico Tiepolo, Francesco Hayez. Molto significativo è il gruppo di opere di Antonio Canova.

Continuer

Piccolo il museo, grande la bellezza!

L’Accademia fu costruita tra il 1821 e il 1826 dal conte Luigi Tadini il quale, tre anni più tardi, fondò l’Istituto di Belle Arti che porta il suo nome. Ospita preziose opere che il conte andava raccogliendo così che potessero essere da modello per i giovani artisti, e a questo scopo venne annessa poi una scuola di disegno e di musica, tuttora attiva.

Nelle 33 sale sono esposti capolavori di celebri artisti, come Jacopo Bellini, Palma il Giovane, Francesco Benaglio, Giacomo Ceruti, fra’ Galgario, Giandomenico Tiepolo, Francesco Hayez. Molto significativo è il gruppo di opere di Antonio Canova.

1Académie de Beaux-Arts Tadini

Le projet culturel du comte on cadre dans le débat vif sur la fonction éducative du Musée soutenue d'instances de philosophe des lumières type et d'un sens civique fort qui voit naître, entre Sept et Huit-cents, "stabilimenti"o "istituti"di Belle arts d'origine privée:  l'académie Carrara à Bergamo (1795, la Pinacothèque de Paolo Tosio au Brescia (1832, l'Usine de beaux-arts Malaspina à Pavia (1833, l'institut Ala Ponzone à Cremona (1842),che est à l'origine du système actuel museale lombard.Entre ceux-ci, l'académie est la seule à avoir maintenu unis, dans le siège originaire, les collections, la bibliothèque et l'archives historique et celui-ci, avec la disposition paysagère heureuse sur le lac, qui lui confère un charme unique.

Le comte Tadini fréquentait avec sa famille Lovere comme localité de vacances;  après la disparition tragique du fils Faustino, emporté dans l'effondrement d'un bâtiment en 1799, il fut absent longtemps de la ville, où il fit retour en 1818 avec le but d'édifier un immeuble pour vous recevoir les propres riches collections d'art.

La charge fut confiée à Sebastiano Salimbeni, architecte amateur, qu'il projeta l'autour de la chapelle consacrée à la mémoire de Faustino Tadini, célébré gravée par une Stèle d'Antonio Canova, un immeuble qu'il servît soit pour l'exposition des collections, soit comme siège de l'école de dessin et de musique, important point de référence pour le territoire sebino-camuno.

La nouvelle construction, réalisée entre le 1821 et le 1824, il pouvait accueillir déjà en 1827 les collections d'art, que même à alors elles avaient été exposées dans les dix salles de la résidence privée du comte à Crema. L'académie Tadini de Belle Arts, formellement fondé en 1829 à la mort de son fondateur, il est entre les plus anciens musées lombards témoin fidèle du goût de l'âge néoclassique. 

L'École de musique est encore aujourd'hui active avec un an scolaire régulier et corses de perfectionnement, en été, pour violonistes, violoncellistes et chanteurs lyriques. La Salle des concerts reçoit tous les ans depuis 1927 dans les mois d'avril et mai une saison prestigieuse de concerts de musique de chambre avec des interprètes de niveau international. 

Critères d'exposition

L'immeuble solennel qui se montre sur le lac il a maintenu le charme du Musée ancien. La collection recueillie par le comte Luigi Tadini reflète la variété d'intérêts d'un aristocrate grandie dans le climat du siècle des lumières lombard qui recueillait, dans sa bibliothèque oeuvres de littérature, philosophie, histoire et sciences. Ses intérêts étaient tournés en effet aux expressions les plus différentes de l'art, de la technique et de la nature:  à côté des peintures, aux sculptures, aux dessins et aux gravures il recueillait porcelaines, et puis minéraux, fossiles et animaux. Une synthèse de sa pensée semble s'exprimer dans l'épigraphe dédicatoire simple de lui dictée, met sur le grand escalier d'entrée: A.    MDCCCXXVI / LITTERIS ARTIBUS NATURAE / DICATUM.

Coeur de la récolte est les oeuvre d'Antonio Canova qu'il eut rapports constants d'amitié avec la famille: la Religion, ébauche rare en terre cuite pour le monument à Clément XIII et la Stèle Tadini, consacré à la mémoire de Faustino, fils du comte, dans le silence de la chapelle qui est entre les derniers chef-d'oeuvre du grand sculpteur.   La Galerie à qui on accède pour un grand escalier ample aux trois rampes est disposée sur 23 salles intercomunicanti qu'ils proposent de nouveau l'ancien préparation:  la Toilette archéologique est entre les peu en Lombardie à avoir maintenu je me le meuble du dix-neuvième siècle, et toutes les salles montrent les plafonds peints par le trevigliese Luigi Dell'Era (1826).

Le parcours comprend une sélection raffinée d'objets d'art de goût néoclassique entre qui une collection significative de porcelaines des plus importants manufacture italiens et européens:  Meissen, Sevres, le Real Usine de Naples.   Entre les chef-d'oeuvre à ne pas perdre, la Sainte Vierge avec l'Enfant de Jacopo Jolis, un Sant'Antonio de Padoue d'Antonio et Bartolomeo Vivarini, une belle pelle d'autel de Paris Bordon, un Portrait d'homme en qualité de patron de Giacomo Ceruti dis le Pitocchetto, trois importantes peintures de Francesco Hayez (Ecce Homo) Autoportrait, Sainte Vierge, une section destinée à exposer, à la rotation, témoignages significatifs d'art moderne et contemporain acquis dans le temps.

Acquisitions suivantes, après expositions préparées près de l'atelier du Tadini, ils ont graduellement constitué le fond de la section d'art moderne et contemporain. Relief spécial a assumé, dans ce sens, la revue Europars, pour le haut niveau des artistes présentés. Fresques différentes du XVI siècle, détachés en temps différents d'extérieurs de maisons de Lovere, et recueillis dans la Salle conférences documentent l'engagement de l'académie dans la tutelle et dans la valorisation des territoires.

 

Plus d’informations

11:00-13:00 - Di luce e di acqua

Lungolago Domenico Oprandi

Come aperitivo vale la pena di godersi la luce, i riflessi e le linee morbide del paesaggio sul lungolago. Il restyling, terminato nel 2013, ha donato alla cittadina ulteriore fascino, dotandola di una piattaforma naturale dove gustare il panorama, rilassarsi o prendere il sole.

Ma se il lungolago non è abbastanza lacustre per te prova a recarti al porto e osserva le barche tipiche e i pescatori, portatori di antiche tradizioni e mestieri.

Continuer

Lungolago Domenico Oprandi

Come aperitivo vale la pena di godersi la luce, i riflessi e le linee morbide del paesaggio sul lungolago. Il restyling, terminato nel 2013, ha donato alla cittadina ulteriore fascino, dotandola di una piattaforma naturale dove gustare il panorama, rilassarsi o prendere il sole.

Ma se il lungolago non è abbastanza lacustre per te prova a recarti al porto e osserva le barche tipiche e i pescatori, portatori di antiche tradizioni e mestieri.

13:00-14:00 - Sapori e colori

Ristoranti e locande del centro

Per pranzo vale la pena accomodarsi in uno dei ristoranti tipici che caratterizzano il centro. La cucina rispechia il paesaggio che s'ammira dalla finestra, mescolando i sapori del lago e dei monti.

Ottimi gli accostamenti tra la polenta e il pesce ad esempio, così come da non perdere i casonsei: ravioli di carne caratteristici di tutta la bergamasca. Buona regola sarebbe poi innaffiare le portate con gli ottimi vini della vicina Valcalepio. 

Continuer

Ristoranti e locande del centro

Per pranzo vale la pena accomodarsi in uno dei ristoranti tipici che caratterizzano il centro. La cucina rispechia il paesaggio che s'ammira dalla finestra, mescolando i sapori del lago e dei monti.

Ottimi gli accostamenti tra la polenta e il pesce ad esempio, così come da non perdere i casonsei: ravioli di carne caratteristici di tutta la bergamasca. Buona regola sarebbe poi innaffiare le portate con gli ottimi vini della vicina Valcalepio. 

14:00-15:00 - Il cuore dell’incanto

Piazza XIII Martiri

Per riprendersi dalle delizie del pranzo ci si può sedere su una delle panchine che danno sul lago oppure fare un po’ di shopping nei negozietti circostanti.

Nota come la piazza sia carica di storia: ospita il monumento alla Libertà, offerto alla cittadinanza da Enrico Banzolini, patriota del Risorgimento loverese che partecipò alla difesa di Venezia; ed è intitolata ai partigiani fucilati dai fascisti il 22 dicembre 1943.

Oggi rappresenta il fulcro della vita cittadina e ospita l’attracco dei battelli e la fermata delle autolinee. 

Continuer

Piazza XIII Martiri

Per riprendersi dalle delizie del pranzo ci si può sedere su una delle panchine che danno sul lago oppure fare un po’ di shopping nei negozietti circostanti.

Nota come la piazza sia carica di storia: ospita il monumento alla Libertà, offerto alla cittadinanza da Enrico Banzolini, patriota del Risorgimento loverese che partecipò alla difesa di Venezia; ed è intitolata ai partigiani fucilati dai fascisti il 22 dicembre 1943.

Oggi rappresenta il fulcro della vita cittadina e ospita l’attracco dei battelli e la fermata delle autolinee. 

15:00:16:00 - La scienza amica

Villa Milesi e Museo civico di scienze naturali “A. Amighetti

Vuoi godere delle bellezze naturali dei dintorni, ma senza muoverti dal paese?

Al Museo Civico di Scienze Naturali ciò è possibile! Fondato nel 1996 nella villa della famiglia Milesi, raccoglie oggi nelle sue sale belle collezioni di migliaia di uccelli, insetti, conchiglie, piante e minerali provenienti dalla bergamasca, ma anche dal Mediterraneo o ancor più lontano.... Ah, e il tutto è gratis!

Continuer

Villa Milesi e Museo civico di scienze naturali “A. Amighetti

Vuoi godere delle bellezze naturali dei dintorni, ma senza muoverti dal paese?

Al Museo Civico di Scienze Naturali ciò è possibile! Fondato nel 1996 nella villa della famiglia Milesi, raccoglie oggi nelle sue sale belle collezioni di migliaia di uccelli, insetti, conchiglie, piante e minerali provenienti dalla bergamasca, ma anche dal Mediterraneo o ancor più lontano.... Ah, e il tutto è gratis!

16:30-19:00 - Navigare… sognare

In battello verso Montisola

Lovere è bella, ma il territorio circostante non è da meno. Vale quindi la pena imbarcarsi su uno dei battelli che fanno il giro del lago. Da una parte si può scegliere di vagare senza meta, gli occhi incollati agli scorci che si presentano durante la navigazione, dall’altra si può puntare verso Montisola, l’isola lacustre più grande d’Europa.

Una volta sbarcati si può percorrere l’intero perimetro in piena libertà: dato che le auto non sono ammesse è la location ideal per chi ama passeggiare o andare in bicicletta. Sia a Montisola che nei porticcioli delle varie località toccate durante il tour non ti sfuggirà la presenza di una caratteristica imbarcazione a remi dalla linea molto semplice, che in dialetto locale viene chiamata “naèt”.

Continuer

In battello verso Montisola

Lovere è bella, ma il territorio circostante non è da meno. Vale quindi la pena imbarcarsi su uno dei battelli che fanno il giro del lago. Da una parte si può scegliere di vagare senza meta, gli occhi incollati agli scorci che si presentano durante la navigazione, dall’altra si può puntare verso Montisola, l’isola lacustre più grande d’Europa.

Una volta sbarcati si può percorrere l’intero perimetro in piena libertà: dato che le auto non sono ammesse è la location ideal per chi ama passeggiare o andare in bicicletta. Sia a Montisola che nei porticcioli delle varie località toccate durante il tour non ti sfuggirà la presenza di una caratteristica imbarcazione a remi dalla linea molto semplice, che in dialetto locale viene chiamata “naèt”.

19:30-20:00 - Al chiar di luna

Stare o ritornare?

Se puoi fermarti anche la sera a Lovere o nei dintorni, ti conviene prolungare la gita in barca fino al calare della sera, quando i borghi si illuminano e, con la luna piena, si può godere della spettacolare veduta dei “Bogn”, la vertiginosa parete di roccia che strapiomba nell’acqua a Riva di Solto.

Se invece devi rientrare a Bergamo, ti potete inoltrare nelle colline della Valcalepio, ricca di ristorantini di sicuro fascino. Mentre cenate, puoi riandare, magari facendoti aiutare dalle foto scattate, alle bellezze e ai luoghi che avete visitato. Ma la bellezza va condivisa, quindi perché non farne partecipi i tuoi amici? 

Continuer

Stare o ritornare?

Se puoi fermarti anche la sera a Lovere o nei dintorni, ti conviene prolungare la gita in barca fino al calare della sera, quando i borghi si illuminano e, con la luna piena, si può godere della spettacolare veduta dei “Bogn”, la vertiginosa parete di roccia che strapiomba nell’acqua a Riva di Solto.

Se invece devi rientrare a Bergamo, ti potete inoltrare nelle colline della Valcalepio, ricca di ristorantini di sicuro fascino. Mentre cenate, puoi riandare, magari facendoti aiutare dalle foto scattate, alle bellezze e ai luoghi che avete visitato. Ma la bellezza va condivisa, quindi perché non farne partecipi i tuoi amici?